Imprenditore edile evade più di 300mila euro

Gallipoli. I finanzieri sono riusciti comunque a ricostruire il reddito non dichiarato attraverso l’esame delle movimentazioni bancarie

GALLIPOLI – Per cinque anni, dal 2005 al 2009, avrebbe sottratto a tassazione ricavi per oltre 315mila euro ed Iva per circa 64mila euro. E’ finito nei guai con la Finanza un imprenditore edile dell’hinterland gallipolino. Secondo le “Fiamme Gialle”, la condotta evasiva dell’imprenditore avrebbe riguardato non solo la mancata presentazione delle dichiarazioni dei redditi, Iva ed Irap, ma anche l’omessa fatturazione delle prestazioni eseguite e l’omessa tenuta di alcune scritture contabili obbligatorie, probabilmente allo scopo di non lasciare traccia delle operazioni di acquisto e vendita, non considerando, tuttavia, la tracciabilità delle operazioni finanziarie. Infatti, i finanzieri sono riusciti comunque a ricostruire il reddito non dichiarato attraverso l’esame capillare di tutte le movimentazioni bancarie del titolare della ditta verificata. L’imprenditore è stato segnalato all’Agenzia delle Entrate per il recupero delle imposte e per l’applicazione delle misure cautelari sui beni immobili, a garanzia del credito erariale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!