Trasparenza amministrativa: Documenti on line? ‘Speriamo’

UGENTO – Il circolo cittadino di Sel (Sinistra Ecologia e Libertà) scrive al sindaco facendo presente la necessità di pubblicare sul sito web del Comune i documenti di pubblica utilità

Gent.mo Sindaco, Le scriviamo in relazione ad una mancanza riscontrata nel nuovo sito internet del Comune di Ugento. Sino a qualche tempo fa risultava possibile consultare direttamente on-line l’elenco delle delibere di giunta e di consiglio, a garanzia di una trasparenza amministrativa verso i cittadini. Purtroppo consultando il sito Web ora non risulta possibile ottenere alcuna informazione Facciamo presente quindi la necessità di poter avere un elenco delle delibere al fine di poter segnalare quali potrebbero essere di interesse all’accesso. Non comprendiamo infatti come possiamo richiedere per iscritto “qualcosa” se non sappiamo se esiste. E soprattutto come può ottenere informazioni specifiche una persona non udente e residente al di fuori del comune? Tecnicamente non vi sono problemi nella pubblicazione dei soli “titoli” delle delibere, magari organizzate per argomenti. Vi sono esempi sia di amministrazioni locali, anche piccole. Anche il comune di Palermo, in segno di trasparenza, rende disponibili almeno i titoli dei documenti. Chiediamo pertanto, proprio per garantire un diritto all’informazione al cittadino ed allo stesso tempo per dimostrare volontà verso una buona gestione e trasparenza amministrativa, se nei prossimi mesi sarà possibile ottenere tali informazioni direttamente dal sito Web, così come prevede pure il CAD (Codice Amministrazione Digitale) che lo pone come obbligo per le PA centrali già dal 1 gennaio 2008, con auspicio che le stesse informazioni vengano rese disponibili anche dalle P.A. locali (art. 53 e 54 del D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82). Sicuri di un riscontro, cordiali saluti. Circolo Sel (Sinistra Ecologia e Libertà ) di Ugento

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!