Commercialista ‘dimentica’ di dichiarare 20mila euro di ricavi

Casarano. La Guardia di finanza ha rilevato che negli anni dal 2005 al 2009 la professionista non aveva presentato alcuna dichiarazione dei redditi

CASARANO – Una consulente aziendale col vizio dell’evasione fiscale è stato scoperto dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Lecce. La commercialista era completamente sconosciuta al Fisco dal momento che non aveva presentato alcuna dichiarazione annuale, sia ai fini dell’Iva che delle imposte sui redditi. Pur avendo incamerato somme di denaro rivenienti dall’esercizio della sua professione, la professionista non aveva versato a nelle casse dell’Erario omettendo, per gli anni d’imposta dal 2005 al 2009 la presentazione della obbligatoria dichiarazione annuale. Già nella prima fase degli accertamenti è emerso che non aveva istituito alcuna scrittura cronologica, limitandosi a conservare qualche fattura d’acquisto e di vendita, senza provvedere alla loro registrazione ed ai conseguenti obblighi di liquidazione e versamento dell’imposta. I finanzieri, però, attraverso l’analisi della documentazione rinvenuta ed acquisita all’atto dell’accesso per l’avvio delle operazioni ispettive, sono riusciti a risalire e ad analizzare tutti i rapporti professionali intrattenuti dal consulente fiscale con i clienti ai quali aveva prestato la propria opera. I militari sono così riusciti a ricostruire la somma sottratta al Fisco, accertando in capo alla consulente ricavi non dichiarati pari a circa 20mila euro, un’imposta sul valore aggiunto non versata (Iva) nelle casse dell’Erario di circa 3mila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!