Lecce fashion week end. Parola d’ordine: made in Puglia

GUARDA IL VIDEO. Lecce. Due giorni, oggi e domani, per respirare la moda dei giovani talenti di casa nostra. Start ufficiale alle ore 20.30 per la settima edizione della rassegna

LECCE – Sarà la giornalista Rosanna Cancellieri a presentare la settima edizione di “Lecce Fashion Weekend”, rassegna di giovani talenti fashion organizzata dall’agenzia “Alta Voce” in collaborazione con l’associazione culturale “Stage” e, stavolta, con il Comune di Lecce, e sempre più vetrina internazionale per la moda Made in Puglia. Appuntamento agli appassionati oggi e domani, 28 e 29 maggio in piazza Sant’Oronzo a Lecce (ore 20.30), per un’edizione della rassegna che si annuncia quanto mai incisiva, posto che in prima fila saranno presenti molti giornalisti specializzati, ma anche e soprattutto importanti manager del mondo della moda italiana in qualità di “osservatori”. LFW ed il magazine “Alta Voce”, infatti, si sono rivelati strumenti essenziali in fatto di commercializzazione e internazionalizzazione dei prodotti delle aziende pugliesi che si occupano di moda: grazie al team di professionisti dell’agenzia Alta Voce, infatti, anche il brand pugliese “Rossorame”, lanciato da LFW, è stato inserito tra i marchi dello store “D&G” di Via della Spiga 2 a Milano, e risulta ad oggi il più venduto del gruppo di stilisti internazionali ospitati nella struttura. Non solo: un grande gruppo cinese, proprietario di ben 32 centri commerciali di lusso, ha già selezionato il brand “Gigolò” di Barletta, che aprirà il primo store mono-marca in Cina a settembre. Tutte le aziende partecipanti a Lecce Fashion Weekend, d’altronde, incontreranno i vertici del gruppo cinese in questione, che saranno a Lecce in luglio, e allestiranno uno show-room temporaneo dedicato all’occasione. Entro l’anno prossimo sono previste almeno altre tre aperture di negozi – mono-brand – di produzione Made in Puglia in Cina. Ma non è tutto: la presenza in passerella delle creazioni di Zeynep Erdogan, stilista di grido in Turchia, la dice lunga sulla capacità della rassegna di attrarre e selezionare tutto ciò che di trendy si agita nell’area del Mediterraneo. “Lecce Fashion Weekend ha valicato i confini della Puglia, dell’Italia e, a questo punto, anche dell’Europa – ha detto Elisabetta Bedori, titolare di “Alta Voce” -. E’una soddisfazione enorme, un successo che in tempi come questi deve e può dire qualcosa; un’ iniziativa totalmente in mano a privati che hanno investito, creduto e ottenuto dei risultati in termini sia di visibilità, sia di ricadute economiche e promozionali, con risultati tangibili. Questo dimostra che se le iniziative progettuali si avvalgono di esperienze e professionalità del settore, di aziende lungimiranti ed attente, di capacità imprenditoriali e mentalità aperte, si possono raggiungere obiettivi importanti. La crescita è esponenziale – ha concluso – ma abbiamo ancora molti progetti da realizzare intorno a LFW e ci stiamo preparando”. Alto infatti anche l’interesse di associazioni come “Apulia Fashion Makers”, che conta ben 107 aziende in tutta Puglia e che a partire da questa settima edizione affianca gli organizzatori di LFW in una progettualità più ampia. Alto anche l’interesse per la rassegna tra gli stilisti non pugliesi, ammessi a partecipare alla stessa a patto di produrre le proprie collezioni sul territorio regionale: come nel caso di Alessandra Giannetti, stilista romana “obbligata” a produrre nel Salento. E dunque largo alla moda, largo alla bellezza delle modelle di LFW7, acconciate e truccate per l’occasione dall’equipe di Tristano Leo: per ammirare le quali, nelle scorse edizioni della rassegna, sono sbarcati a Lecce nomi del calibro di Stefano Dominella, Guillermo Mariotto, Simonetta Gianfelici, Mariella Milani (Rai due), Cinzia Malvini (LA7). In collaborazione con Confapi, patrocinio della Provincia e della Camera di commercio di Lecce.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!