Fugu restaurant, japan and thai food x very gourmandier

Ivan Scrimitore, sushi chef master, ha girato il mondo e le sue cucine prima di rientrare a Lecce e aprire il suo personalissimo angolo d’Oriente. www.facebook.com/pages/fugu-restaurant

Un buon aperitivo è quello che ci vuole per rendere ancora più speciali i nostri incontri. Ci piace parlare della nostra amicizia, dei nostri figli, dei viaggi che abbiamo fatto e di quelli che faremo – speriamo insieme – e anche un po’ di lavoro, perché oltre che buoni amici siamo anche colleghi. Decidiamo per un aperitivo a base di pesce, meglio se crudo, e l’idea del sushi mette tutti d’accordo. Il tempo di salire in macchina e in un batter d’occhio, io, Maurizio, Mario e Marilù siamo a Merine, al Fugu: il top del japan and thai food restaurant nel Salento. Arrivano anche Andrea e Gigi, ed ecco raggiungerci al tavolo, sake alla mano, il padrone di casa. Ivan Scrimitore, ex (?) chitarrista metal con la passione per la gastronomia nel sangue, ha girato il mondo e le sue cucine prima di rientrare a Lecce, città d’origine, e aprire il suo personalissimo angolo d’Oriente: ampi spazi circolari, grandi lampade di juta colorata, tessuti e arredi eclettici e ricercati, souvenir di viaggi lontani, il Fugu – che prende il nome dal delizioso pesce palla giapponese – incanta per quel mix di stili e di storie affascinanti e un po’ misteriose. In sottofondo, le note jazz, rihtm n’blues ed elettronica sperimentale caricano l’atmosfera di un’allure alternativa e cosmopolita. Il menù propone una selezione di ricette giapponesi e thailandesi che Ivan, con talento ed estro innati – e più volte celebrati sulle riviste specializzate – personalizza al momento, secondo la reperibilità e la freschezza degli ingredienti. Lasciamo fare tutto a lui, e il risultato è sorprendente: straordinarie le incursioni tra i sapori, i colori e i profumi della cucina orientale; sushi, shasimi, tempure e hosomaki sono solo il punto d’arrivo e di partenza verso rielaborazioni e riproduzioni del tutto eclettiche e originali del gusto che lasciano col fiato sospeso anche i vegetariani. Che siano antipasti misti o solo pesce crudo (superbi i tonni e i salmoni anche appena scottati), o risotti, fritture, e nigiri, il successo della cucina di Ivan sta nella magistrale caratteristica alternanza giocata dai contrasti tra saporosità diverse – agrodolce, dolce, salato, piccante. Tutti i piatti sono formidabili, sia nel gusto che nella presentazione: l’estrema cura con cui vengono rappresentati, infatti, è un tratto rinomato della cucina japan e thai che non manca di sortire un impatto visivo di imprevedibile stupore. Da quando abbiamo scoperto l’incredibile bontà della cucina di Ivan siamo fan del Fugu, anche su facebook.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!