Pacella: ‘Vendola disattento ai problemi degli agricoltori’

L’assessore provinciale evidenzia quelli che considera “assurdi ritardi” da parte del Governo regionale nell’attuazione della riforma dei Consorzi di bonifica

“Il governo Vendola ha accumulato ritardi nell’attuazione della riforma dei consorzi di bonifica che, ai sensi della legge nazionale n. 31/2008 sarebbe dovuta essere adottata entro il 30 giugno 2008”. Lo dichiara Francesco Pacella, assessore provinciale all’Agricoltura che sottolinea quella che considera un’assurdità, ovvero il fatto che il debito accumulato dai Consorzi nel corso degli ultimi anni venga posto a carico degli agricoltori che non hanno usufruito di alcun servizio. “Anziché mettere le mani nelle tasche delle aziende agricole e degli imprenditori – dice Pacella – Vendola dovrebbe inserire nel bilancio regionale più risorse proprie, per garantire le migliori condizioni agli agricoltori ed al grande patrimonio e valore dell’ambiente rurale, anziché limitarsi ad utilizzare esclusivamente le risorse di chiara provenienza europea (Piano di sviluppo regionale)”. Dopo anni di disattenzione nelle politiche di tutela del territorio rurale e della gestione delle risorse idriche, l’approccio di Vendola al riordino del settore sarebbe, secondo l’assessore provinciale, alquanto superficiale. “Infatti – commenta – la richiesta di dimissioni dei vertici dei Consorzi denuncia da parte del Governo regionale il disinteresse a valorizzare queste importanti strutture, al fine di soddisfare esigenze politiche attraverso il commissariamento anche di quei consorzi i cui bilanci sono in ordine”. “Vendola – conclude Pacella – faccia il mea culpa e rinunci nel suo disegno di far pagare le proprie disattenzioni ad un settore in grave sofferenza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!