Tutto in famiglia

CANNOLE. Adriana Petrachi contro Lucio Caggiano. Una sfida aspra in un Comune in cui le elezioni sono una resa dei conti tra famiglie

CANNNOLE – Più che elezioni comunali, l’appuntamento del 15 e 16 maggio prossimi potrebbe essere quello con un resa dei conti fra famiglie. Cannole, infatti, è un piccolissimo comune fra Martano e Otranto, dove tutti conoscono tutti. Il consiglio comunale uscente si è dichiarato incompatibile a votare il Piano urbanistico generale proprio per i conflitti di interesse che gravavano su ogni consigliere. Ad occuparsi di questo delicato documento di programmazione territoriale, che oggi divide i due opposti schieramenti politici, è stato quindi un commissario ad acta. A Cannole si contendono la poltrona di sindaco Adriana Petrachi, sindaco uscente in cerca della riconferma, e Lucio Caggiano, coordinatore del PdL locale. La prima, 57 anni, casalinga, sposata con due figli, è sostenuta dalla civica ”Partecipazione e Progresso per Cannole”, che riunisce il centrosinistra, l’Udc ed IoSud. Il secondo, commercialista 50enne, anch’egli sposato con tre figli, è a capo di una lista di centrodestra – “Cannole verso un futuro di libertà e progresso” – nella quale però ci sono anche esponenti di Rifondazione comunista ed ex Margherita.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!