'Feudi' di Guagnano veste tricolore

Vinitaly. La cantina festeggia i 150 anni dell'Unità colorando il proprio stand veronese di bianco, rosso e verde

La cantina “Feudi” di Guagnano, presente anche quest’anno al Vinitaly, “tinge” i suoi vini col tricolore. “Viva i vini italiani” è il messaggio che parte dal suo stand, significando con ciò che, di fronte alla crescente concorrenza dei vini stranieri, l’unica arma vincente è rappresentata dall’unione dei viticoltori italiani, dalla Puglia al Trentino, dalla Sicilia al Piemonte. Stesso padiglione (n. 10 – Puglia), stesso settore (D5) ma con uno stand nuovo e tricolore! Questa è la novità 2011 per la cantina “Feudi” di Guagnano che ha voluto festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia colorando la propria casa veronese di bianco, rosso e verde. Come si vede dalla foto “rubata” nei giorni che precedono l’apertura della famosa kermesse dedicata ai vini di tutto il mondo, un calice gigante di Negroamaro campeggia contorniato da un bel tricolore. Ma non solo: una bandiera originale, messa a disposizione dalla sezione guagnanese della “Società Operaia” fondata nel 1861, farà bella mostra sin dalla giornata di apertura del Vinitaly. E poi ancora, antichi libri e immagini d’epoca, a far da preziose gemme alle undici etichette della cantina salentina. Sui banchi d’assaggio della fornitissima enoteca all’interno dello stand, saranno proposte le nuove annate dei vini più famosi della cantina: dal Nero di Velluto, Negroamaro tra i più conosciuti d’Italia, al Cupone, un Salice Salentino Rosso Doc Riserva imbottigliato solo nelle migliori annate al Rosarò, rosè da negroamaro dai profumi tipicamente mediterranei.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment