Cooperazione. La Puglia guarda al Mediterraneo

Bari. Progetti definiti attraverso il partenariato con enti locali, università, di ricerca, organizzazioni economiche e sociali

Albania, Serbia, Bosnia – Erzegovina, Libano, Palestina e Turchia. Ci sono i Balcani e il Mediterraneo nel Programma 2011 per la “Cooperazione allo Sviluppo della Regione Puglia”. Anche quest'anno, nell'ottica della collaborazione con i popoli di prossimità e nel contesto della politica di coesione e di integrazione, gli interventi proposti mirano al consolidamento di relazioni già avviate e alla valorizzazione dell’apporto degli attori presenti sul territorio regionale pugliese già impegnati nel settore. I singoli progetti sono stati definiti attraverso forme di confronto e di consultazione con il partenariato e l’instaurarsi di collaborazioni e sinergie con enti locali, università, enti di ricerca, organizzazioni economiche e forze sociali. Gli obiettivi sono stati definiti in continuità con l’impostazione delle precedenti annualità ed in coerenza con le scelte di fondo operate dal Piano triennale, anche in ordine alle priorità tematiche e geografiche in esso enucleate, tenendo conto tuttavia delle condizioni di criticità e di grave instabilità politica che attualmente interessano molti Paesi della sponda sud del Mediterraneo meridionale, e dunque compatibilmente con la gravità della situazione esistente. La spesa complessiva del provvedimento ammonta a 214mila euro ed è risultante dalla totalità degli interventi previsti. Gli interventi, secondo il Programma 2011, riguardano i partenariati fra le comunità locali e la promozione dei diritti umani. Per entrambi i settori è previsto il finanziamento di 107mila euro. Gli interventi di partenariato Libano. Iniziative di cooperazione decentrata (20mila euro), parteniariato con la municipalità di Furn el Chebbak (20mila), progetti per il consolidamento della posizione della donna nei contesti economici di Zahle e Balbaak (15mila) Territori Palestinesi. Partenariato della Regione per il progetto “Nursing for Peace” (20mila), primi aiuti nei campi di beduini (20mila) Bosnia – Erzegovina. Rinnovo dell'adesione della Regione alle Agenzie di Democrazia locale di Mostar (4mila) Albania. Rinnovo dell'adesione della Regione alle Agenzie di Democrazia locale di Skutari (5mila) Serbia. partenariato nel progetto “Brothers Bracia” (3mila) Interventi promozione diritti umani Turchia. Adesione della Regione al progetto “Ciscase” per la cooperazione in Anatolia (12mila) Albania – Puglia. “Il sogno italiano. 1991 – 2011. A vent'anni dall'esodo” (15mila) Area balcaniaca. “Giornate culturali Puglia – Balcani 2011” (25mila) Puglia. Iniziative su discriminazioni razziali (20mila) Cesforia. Cooperazione interculturale in area adriatica (35mila) Gli interventi sono a regia regionale

Articoli correlati

Leave a Comment