Discarica abusiva di pneumatici. Un arresto

Specchia. La segnalazione telefonica ai carabinieri: una distesa di pneumatici nelle campagne nei pressi di Borgo Cardigliano

SPECCHIA – 40 pneumatici, molti dei quali ancora installati su cerchioni di autovettura. I carabinieri della stazione di Specchia hanno denunciato, per trasporto ed abbandono di rifiuti speciali, un 44enne di Ruffano già gravato da precedenti di polizia. E’ accaduto ieri pomeriggio, attorno alle ore 18.30. Una telefonata alla Centrale Operativa della Compagnia di Tricase ha messo in moto i militari, denunciando che un camion aveva appena abbandonato un’elevata quantità di pneumatici in una campagna nei pressi di Borgo Cardigliano. La nota è stata diramata alla pattuglia della Stazione Carabinieri di Specchia che in pochi minuti ha raggiunto e bloccato la vettura, che si trovava ancora nei pressi del luogo indicato come la campagna adibita a discarica abusiva. All’interno del cassone, la scoperta dei pneumatici. Dopo aver identificato il conducente del mezzo pesante i carabinieri hanno effettuato un sopralluogo nell’intera area ed hanno trovato due cumuli composti da 76 pneumatici in tutto, alcuni dei quali corrispondevano, per dimensioni, marca, modello e tipologia di cerchione, a quelli trasportati sul camion. Il responsabile è stato accompagnato in caserma e denunciato in stato di libertà per trasporto ed abbandono di rifiuti speciali mentre il suo camion, il relativo contenuto e i pneumatici già abbandonati sono stati sottoposti a sequestro in attesa della successiva bonifica dell’area contaminata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!