Ex bidello indagato per violenza sessuale

Copertino. Le violenze si sarebbero consumate nel bagno della scuola. Il sostituto procuratore ha chiesto che la bimba sia sentita

Ancora un caso di presunti abusi sessuali commessi in una scuola materna del Salento. Un uomo di 47 anni, originario di Torre del Greco, ex collaboratore scolastico in un istituto scolastico di Copertino, è stato iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di violenza sessuale aggravata. Un caso simile a quello di Bruno Cosimo My, l’ex bidello di Leverano arrestato, il 5 maggio scorso, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Lecce, Antonio Del Coco, dopo circa un mese di indagini. Anche in questo caso l’orco avrebbe agito durante le ore scolastiche, compiendo ripetuti atti sessuali ai danni di una bambina di soli cinque anni. Le violenze, commesse sino a ottobre scorso, si sarebbero consumate nel bagno della scuola, dove l’ex operatore scolastico avrebbe seguito la presunta vittima. A far luce sulla vicenda sono state le indagini dei carabinieri di Copertino, che hanno raccolto in un’informativa trasmessa poi alla Procura le ipotesi di reato a carico del bidello. Il sostituto procuratore titolare del procedimento, Stefania Mininni, ha chiesto che la bimba sia ora sentita in sede incidente probatorio, nella cosiddetta forma dell’ascolto protetto, da effettuarsi con video registrazione presso una struttura idonea e alla presenza di un assistente sociale ovvero di uno psicologo. Una procedura necessaria a tutelare il più possibile la minore e a cristallizzare al tempo stesso la testimonianza e la ricostruzione dei fatti, in modo da fornire nuovi riscontri utili alle indagini ed elementi di prova da utilizzare in un eventuale dibattimento. Il consulente dovrà inoltre valutare l’attendibilità della bambina e la veridicità delle sue dichiarazioni. Una torbida vicenda che potrebbe riservare sviluppi importanti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!