Solarium in spiaggia: deturpate le dune

Porto Cesareo. L’area è risultata essere utilizzata come giardino con installazione di impianto di illuminazione e doccia

Privatizzato un patrimonio di tutti: i militari della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Gallipoli hanno accertato atti di abusivismo a danno delle dune di di Porto Cesareo. L’area – per un totale di 120 metri quadrati circa di estensione – oltre a essere stata deturpata, è risultata essere utilizzata come giardino e solarium, con installazione di impianto di illuminazione e doccia. In un caso, addirittura, i proprietari di un immobile si sono resi responsabili della delimitazione di due dune sabbiose antistanti la loro proprietà mediante costruzione di un muretto a secco e piantumazione di vegetazione peraltro non consona al naturale ecosistema locale. Diverse persone sono state deferite all’Autorità Giudiziaria per violazioni connesse all’occupazione di suolo demaniale pubblico per aver costruito nuove strutture e ampliato manufatti preesistenti. L'area è stata sottoposta a sequestro mentre i proprietari dell’immobile sono stati deferiti per occupazione abusiva di demanio marittimo e deturpazione ambientale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!