Deposito rifiuti: ok all'ampliamento

Nardò. Parere favorevole di compatibilità ambientale, dalla Regione, per il progetto proposto dalla “Eurorecuperi Srl”

Il Comitato Regionale per la Via (Valutazione Impatto Ambientale) ha espresso parere favorevole di compatibilità ambientale per il progetto di ampliamento dell’impianto di recupero e deposito preliminare di rifiuti pericolosi e non pericolosi, sito nel Comune di Nardò, 2 km dal centro abitato, proposto dalla “Eurorecuperi Srl” (Nardò). Lo Studio d’Impatto Ambientale presentato dalla ditta fa riferimento agli impatti delle operazioni di integrazione e potenziamento di – riciclo/recupero dei metalli e dei composti metallici – riciclo/recupero di altre sostanze inorganiche – messa in riserva di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti precedenti (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti – potenziamento, in aree stabilite dei piazzali interni allo stabilimento, dello stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi sottoposti a deposito preliminare, ricondizionamento preliminare, raggruppamento preliminare e bonifica/recupero nel proprio stabilimento di veicoli fuori uso – effettuazione nel proprio stabilimento di bonifica e recupero di veicoli fuori uso – prima fase di bonifica e trattamento “Raee” (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) II progetto prevede essenzialmente l’installazione di nuovi macchinari, la tamponatura esterna con pannelli in lamiera di acciaio zincato, per la chiusura di dell’attuale ambiente di lavoro per l’attività di manutenzione dei mezzi d’azienda, e la realizzazione di un impianto di trattamento acque meteoriche costituito da una grigliatura, una vasca per la disoleazione, una vasca per la dissabbiatura e relativo scarico in trincea drenante.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!