Rubano le monete dalle slot. Presi

Copertino. Due ladri brindisini in trasferta beccati con 3 sacchi di monete da 1 e 2 euro, nascosti in auto

Damiano Chirico e Benito Salonne di Latiano, responsabili di furto aggravato in concorso all'interno del bar “Er più” di Copertino, sono stati arrestati, nelle prime ore del mattino di oggi, dai carabinieri della stazione di Gallipoli. I due sono stati fermati mentre procedevano a velocità sostenuta a bordo della loro auto. I militari, insospettiti dai loro movimenti, hanno deciso di perquisire il veicolo e hanno trovato 3 sacchi di monete da 1 e 2 euro, per un totale di 3.623 euro. Così Chirico e Salonne sono stati accompagnati presso la stazione dei carabinieri dove, poco dopo, giungeva la denuncia di un furto avvenuto in un bar di Copertino. Effettuato il sopralluogo presso l’esercizio commerciale, i militari hanno evidenziato immediatamente gravi indizi di colpevolezza nei confronti dei due soggetti fermati. Inoltre, in un locale retrostante, dal quale i due erano passati per entrare nel bar, tramite l’utilizzo di una scala, era presente un borsone pieno di arnesi da scasso (piede di porco e altro materiale), e un ulteriore sacchetto contenente circa 35 euro in monetine. Il denaro era stato trafugato dall'interno delle slot machine presenti nell'esercizio pubblico. La ricostruzione dei militari ha permesso di accertare che i due malviventi avevano abbandonato il borsone, la scala e il sacchetto con i soldi nella stanza retrostante al bar per il sopraggiungere inaspettato di uno dei proprietari. Chirico e Salonne sono stati trasferiti nel carcere di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!