A Koreja, in scena c'è 'Bù!'

Lecce. Rassegna per bambini. Sul palcoscenico, domani, il lupo, la strega e l’uomo nero. Ma a teatro la paura si supera ridendo

Prosegue con un nuovo appuntamento in cartellone, il “Teatro in Tasca”, la rassegna per bambini e famiglie, promossa da “Cantieri Teatrali Koreja”, Provincia di Lecce, Regione Puglia e con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Domenica 13 febbraio, alle 11 e alle 17.30, in scena il “Teatro Litta” di Milano con “Bù!”, uno spettacolo in cui gli autori uniscono all’esperienza teatrale, la comune formazione in ambito educativo, riuscendo nell’intento di affrontare un tema delicato per i bambini attraverso una modalità narrativa giocosa e lineare. Perché ci sono storie di paura “paurose”. E altre divertenti. E !Bù!! è una divertente storia di paura, raccontata da un attore e da una porta. La porta è un confine: da una parte c’è il Bosco Verde, dall’altra il Bosco Nero. Nel Bosco Nero vivono il Ladro, il Lupo, la Strega e il padrone di tutti: il terribile Uomo Nero. Nel Bosco Verde c’è una mamma rotonda come le torte, un papà forte, sette fratelli grandi come armadi e anche un bambino, il piccolo Bartolomeo. Sarà proprio lui, accompagnato dall’inseparabile copertina, a dover affrontare le creature del Bosco Nero, fino a sconfiggerle, una per volta. Con un andamento narrativo di andate e ritorni, divertente e rassicurante come una filastrocca, vengono messe in scena le paure tipiche dei bambini. Vengono nominate, per far comprendere ai piccoli spettatori che esse sono patrimonio di tutti e che, con un po’ di coraggio, si possono superare e dimenticare. “Bù!” insegna che le paura si superano e che ridere, a volte, è l’arma migliore. Età consigliata 3/8 anni – Tecnica utilizzata: Teatro d’attore di e con Claudio Dilani testo di Francesca Marchegiano e Claudio Dilani scenografie di Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Dilani musiche di Debora Chiantella e Andrea Bernasconi

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!