'Telestreet': un laboratorio per i giovani

Tricase. 35.000 euro per la sistemazione dei locali posti al piano primo dell’immobile comunale di via Micetti

La Giunta Comunale di Tricase – relatore l’Assessore alla Cultura ed alle Politiche Giovanili, Nunzio Dell’Abate – con Deliberazione n. 297 del 17 dicembre 2010, avente per oggetto: “Telestreet. Laboratorio Urbano Bollenti Spiriti. Delocalizzazione intervento presso l’edificio di via Micetti” ha stabilito un finanziamento di circa 35mila euro (fondi delibera Cipe n. 3/06), per la sistemazione dei locali posti al piano primo dell’immobile comunale di via Micetti. Duplice la finalità: riuscire a completare l’intervento su tutto l’immobile comunale e attivare il piano di politiche giovanili nell’ambito del progetto. Pertanto, a due precedenti deliberazioni (finalizzate all’individuazione dell’immobile e all’approvazione del progetto definitivo dei lavori di riqualificazione e rifunzionalizzazione con fondi Prusst “Turismo nel Salento” per 264mila euro), si aggiunge quest'ultima necessaria al trasferimento del finanziamento di circa 35mila euro, per la fruizione anche del piano primo del plesso dell’intero immobile, destinato a sede della Biblioteca Comunale e dell’Archivio Storico Comunale e dell’Acait. In merito, l'assessore Dell’Abate ha precisato: “Abbiamo posto un significativo e credo ormai definitivo tassello al progetto di trasferimento della Biblioteca Comunale e dei servizi annessi presso l’immobile di via Micetti. Inizia così a prendere consistenza un atto di indirizzo politico che porterà – ci auguriamo prima del prossimo autunno – alla costituzione di un importante contenitore informativo-culturale per la Città di Tricase”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!