La differenziata si fa anche al cimitero

Parte anche all’interno del cimitero comunale di Lecce questo sistema di raccolta dei rifiuti. Si comincia lunedì 17 gennaio

E ora la differenziata sbarca al cimitero di Lecce. Dopo l’attivazione del nuovo centro di raccolta dei rifiuti differenziati nell’ex macello comunale e della raccolta porta a porta nella zona industriale, partirà lunedì' 17 gennaio la raccolta differenziata all'interno del Cimitero Comunale. All'interno del cimitero viene prodotta giornalmente una grande quantità di rifiuti vegetali, oggi conferiti presso gli impianti di smaltimento e che invece potrebbero essere recuperati in impianti di trattamento idonei, consentendo anche un notevole risparmio economico. Di qui la decisione dell’amministrazione comunale di Lecce di avviare questo sistema di raccolta. Soddisfatto l’assessore all’ambiente Gianni Garrisi. “Siamo lieti di proseguire lungo questo percorso avviato dall'amministrazione in collaborazione con le aziende concessionarie del servizio di raccolta rifiuti, Ecotecnica ed Axa, e che vede il cittadino continuamente impegnato in attività in grado di aumentare le percentuali di raccolta differenziata che ci auguriamo possano, nell'anno 2011, crescere in maniera esponenziale”. Il servizio verrà attivato lunedì 17 gennaio. A partire da quel giorno i rifiuti vegetali saranno separati dalle altre tipologie di rifiuti prodotti nel cimitero, quali ceri, lumini , vasi rotti, eccetera eccetera. Saranno posizionati due differenti contenitori dei quali uno da utilizzare esclusivamente per la raccolta dei fiori recisi e l' altro per le restanti tipologie di rifiuti. Per agevolare la corretta separazione su ogni contenitore verrà applicato un adesivo esplicativo. “Da tempo avevamo intenzione di avviare questo servizio- spiegano dall'AxA co-gestore del servizio- col duplice obiettivo di sensibilizzare continuamente i cittadini e raccogliere circa 500 tonnellate all'anno di rifiuti verdi, pari circa al 5% di raccolta differenziata”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!