Rubano monili e li rivendono. Denunciati

I carabinieri di Casarano hanno denunciato a piede libero cinque persone per ricettazione

Nella mattinata odierna, i militari della Compagnia di Casarano hanno denunciato a piede libero per ricettazione, una 37enne, un 25enne ed un 20enne (di Casarano), una 31enne ed un 21enne (di Racale). L’attività è stata condotta a seguito del furto in abitazione perpetrato a Casarano, la scorsa notte, ai danni di una anziana 74enne che, dopo aver sorpreso due giovani nella propria abitazione, è stata minacciata con un oggetto appuntito, privata della catenina in oro che aveva al collo e della somma contante di euro 50. Il monile è stato successivamente rinvenuto nelle adiacenze di un bidone della spazzatura nei pressi dell’abitazione e restituito alla donna che, soccorsa dal personale dell’ospedale di Casarano, è stata riscontrata affetta da “stato ansioso”. Le perquisizioni domiciliari condotte e i controlli estesi ai negozi di “oro cash” e “compro oro” dei comuni di Casarano, Taviano e Racale hanno permettesso di rinvenire 15 monili in oro (collane, anelli ed orecchini per un valore ammontante ad € 4000) proventi di furti in abitazione perpetrati fra il 15 ed il 16 novembre scorso a Casarano e Racale Alle accuse di ricettazione, la 37enne di Casarano dovrà altresì rispondere di falso ideologico per aver, in più circostanze, esibito, alle attività commerciali di cui sopra, il proprio documento di identità che aveva denunciato di aver smarrito nel 2004. Il documento è stato sottoposto a sequestro, mentre la refurtiva recuperata restituita ai legittimi proprietari. Nel corso delle perquisizioni domiciliari, è stato rinvenuto e sottoposto a sequestro un grammo di hashish presso l’abitazione di un 27enne di Casarano con segnalazione alla Prefettura di Lecce per uso personale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!