Stoccolma, Baldassarre: Verso un'Europa al servizio dei cittadini

On. Baldassarre: “Abbiamo raggiunto un testo finale equilibrato e completo, approvato all'unanimità in sede di commissione giuridica e con una chiara maggioranza da parte dell'Aula”

È stata approvata dalla plenaria del Parlamento europeo, la relazione 'Berlinguer' relativa ad un piano di azione per aspetti di diritto civile, di famiglia, commerciale e internazionale privato del Programma di Stoccolma. Il programma di Stoccolma, adottato dal Consiglio europeo nel dicembre del 2009, enuclea le priorità per lo sviluppo di uno spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia nei prossimi cinque anni. L'intento principale dell'azione dell'UE in questo settore, per i prossimi anni, è “portare avanti l'Europa dei cittadini” dando loro i mezzi per esercitare i diritti e trarre pieno beneficio dall'integrazione europea. Obiettivo del piano d'azione, accolto positivamente dall'Aula di Strasburgo, è realizzare queste priorità a livello europeo e globale. “Abbiamo raggiunto un testo finale equilibrato e completo, approvato all'unanimità in sede di commissione giuridica e con una chiara maggioranza da parte dell'Aula”, ha commentato l'On. Baldassarre, relatore ombra del provvedimento per il Gruppo PPE. “La relazione finale affronta aspetti fondamentali per permettere il passaggio verso un'Europa vicina ai cittadini, promuovendo lo sviluppo di una cultura giudiziaria europea”, ha continuato Baldassarre. “Nello specifico, sono state affrontate questioni concernenti la formazione dei giudici, la cooperazione fra le autorità giudiziarie, i diritti fondamentali, compreso quello alla libertà d'impresa, e il riconoscimento reciproco dei documenti ufficiali delle pubbliche amministrazioni nazionali, ivi inclusi gli effetti degli atti di stato civile” ha spiegato Baldassarre, Vice Presidente della Commissione giuridica. “Insomma: credo il percorso sia tracciato e che l'Europa sia sulla strada giusta”, ha concluso Baldassarre, “una strada che porta verso una maggiore chiarezza dei processi decisionali dell'UE e verso un'Europa volta al servizio dei suoi cittadini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!