Sequestrati 261 litri di gasolio agricolo

Il titolare di un’impresa della provincia ha utilizzato il prodotto petrolifero agevolato per fini diversi da quelli agricoli

Le Fiamme Gialle della Compagnia di Lecce hanno sequestrato una cisterna contenente 261 litri di prodotto petrolifero agevolato per l’agricoltura che il titolare di un’impresa della provincia ha utilizzato per fini diversi da quelli agricoli. Infatti, le attuali disposizioni in merito non consentono di utilizzare il prodotto agevolato per il rifornimento di automezzi non aventi le caratteristiche e le autorizzazioni necessarie per il loro impiego in agricoltura. In tale ambito, l’abilità investigativa dei finanzieri ha consentito, attraverso il prelevamento di un campione di carburante contenuto nel serbatoio del camion, di appurare l’utilizzo illecito di gasolio agricolo. Nello specifico, la sostanza rinvenuta nel serbatoio presentava una colorazione verdastra tipica del gasolio agevolato per uso agricolo che lo differenzia da quello per uso autotrazione (giallo paglierino) e da quello per uso riscaldamento domestico (rosso). Il controllo è stato quindi esteso alla sede dell’impresa dove è stato trovato un silos contenente prodotto analogo a quello già rinvenuto nel serbatoio dell’automezzo sequestrato, rilevando, inoltre il consumo in frode di ulteriori 86 litri di gasolio agricolo. Il servizio si è concluso con il deferimento all’Autorità Giudiziaria del responsabile e il sequestro dell’automezzo utilizzato ai fini della frode.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!