Rappresentanza di genere tra presente e futuro

L’assessore alle politiche sociali Filomena D’Antini Solero a Catania all’assemblea delle amministratrici e delle elette nelle province: “approvato un decisivo ordine del giorno sulla presenza femminile nelle istituzioni locali”

L’assessore provinciale alle Politiche sociali Filomena D’Antini Solero ha partecipato nei giorni scorsi ai lavori dell’Assemblea delle amministratrici e delle elette, che si sono svolti a Catania sul tema “Rappresentanza di genere: presente e futuro”. L’esito dell’incontro nazionale è stato l’approvazione all’unanimità di un ordine del giorno sul tema, che è stato poi presentato e approvato anche dall’Assemblea generale dell’Upi, svoltasi sempre nella città siciliana. L’Assemblea, promossa dalla Consulta Pari Opportunità dell’Upi e divenuta ormai un consueto appuntamento annuale, si colloca nel contesto più ampio di un impegno pluriennale che la Consulta sta portando avanti sin dalla sua costituzione (avvenuta nel 2005). “Anche quest’anno l'Assemblea delle amministratrici e delle elette è stata un’importante occasione di confronto, ascolto reciproco e approfondimento collettivo con le amministratrici e le elette delle Province italiane e con esperte e rappresentanti istituzionali sul tema della rappresentanza di genere” spiega l’assessore D’Antini. “La presenza femminile nelle istituzioni locali non è solo una questione di democrazia, ma rappresenta una strada necessaria per rinnovare la politica e la pubblica amministrazione, rivitalizzare la partecipazione della cittadinanza e scegliere strade nuove di impegno per le comunità locali. Occorre invertire la tendenza che vede la presenza femminile nelle istituzioni statica o in ribasso, perchè è necessario e urgente un ricambio delle risorse e delle competenze impegnate nelle amministrazioni locali, dando spazio ai giovani e alle donne”. In particolare, l’assemblea annuale delle elette e delle amministratrici delle Province italiane con l’ordine del giorno approvato, che ora proseguirà il suo iter per approdare a Camera e Senato, chiede, sottolinea ancora l’assessore Filomena D’Antini “di riaprire in tutte le forze politiche il dibattito sul tema della rappresentanza femminile all’interno delle diverse proposte di riforma della legge elettorale e ribadisce con forza la necessità di inserire negli statuti di tutti i partiti politici norme che garantiscano una rappresentanza paritaria di donne e uomini nella formazione delle liste congressuali”. Specifica poi i particolari: “Va inserita una norma di garanzia che preveda: che la quota elettiva negli organi collegiali dei partiti ad ogni livello debba essere costituita dal 50% per ciascuno dei due sessi eligendi; che, qualora all’interno della quota elettiva di un organo collegiale uno dei due sessi sia rappresentato per una quota inferiore al 50% vengano attribuiti ulteriori seggi, distribuiti fra le liste, applicando lo stesso sistema elettorale utilizzato; che tali seggi aggiuntivi vengano attribuiti,all’interno di ciascuna lista, ai soli candidati, fra quelli non eletti,appartenenti al sesso non sufficientemente rappresentato, fino al raggiungimento del totale complessivo del 50% degli eligendi con arrotondamento all’unità inferiore; che, qualora una lista non disponga, fra i non eletti,di candidati appartenenti al sesso non sufficientemente rappresentato, i seggi spettanti non vengano attribuiti”. “Chiediamo, inoltre, che tra i criteri di ripartizione dei finanziamenti pubblici ai partiti sia inserita, in ottica premiale, penalizzante in caso contrario, una quota aggiuntiva legata alla presenza femminile fra gli eletti” conclude l’assessore.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!