Evade dai domiciliari e fugge sui tetti, ma lo bloccano

San Cesario. Arrestato Leonardo Morleo. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Lecce

Nel corso della notte appena trascorsa, i militari della Stazione Carabinieri di San Cesario di Lecce, unitamente a quelli del Nucleo Radiomobile, hanno tratto in arresto Leonardo Morleo, quarantasettenne del luogo. Lo stesso, sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale lo scorso mese di agosto, a causa della violazione dell’obbligo di soggiorno era stato posto ai domiciliari. Da quell’episodio, Morleo aveva avviato, tramite il suo legale, una disputa giudiziale al fine di vedersi revocata la misura o quanto meno ridotta nell’afflittività, e ieri, in seguito alla notizia del quasi certo rigetto dell’istanza, ha riferito alla moglie l’intento di farla finita. Per questo la moglie si è rivolta ai Carabinieri, che, giunti presso l’abitazione, hanno trovato Morleo sul terrazzo della propria abitazione. Alla vista dei militari, Morleo si è dato alla fuga scappando dai tetti. Tale gesto ha configurato il reato di evasione. Sono così iniziate le ricerche congiunte di militari della Stazione e del Nucleo Radiomobile. Alle ispezioni dei possibili luoghi in cui poteva trovare rifugio si è affiancato il monitoraggio costante dell’abitazione dove Morleo, subito dopo avervi fatto ritorno, veniva bloccato. Alla presenza dei militari, che Morleo pensava di aver sviato, il soggetto ha provato a darsi nuovamente alla fuga, ma è stato bloccato e tratto in arresto. Questa nuova violazione ha aperto per Morleo le porte del carcere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!