I Modà in concerto a Ruffano

L'evento sarà trasmesso in diretta sulle frequenze radiofoniche del network nazionale Rtl 102.5

Proseguono gli appuntamenti della Rassegna “Estate tra i due Mari” organizzata dall’Amministrazione comunale di Ruffano. Quarta tappa questa sera, venerdì 6 agosto 2010, in Piazza Libertà, a partire dalle 23 con i Modà in concerto, sotto la direzione artistica di Rocco D’Amato. Nati nell’anno 2003, i Modà dopo un’intensa attività live, vengono notati da un produttore artistico che li fa esibire nel loro primo passaggio televisivo su Rai Uno. All'inizio del 2004 ottengono un contratto che permette loro la pubblicazione del primo singolo “Ti amo veramente”. Dopo molte date estive, nell'ottobre del 2004 esce il loro primo album “Ti amo veramente” anticipato dal singolo “Dimmi che non hai paura”. Nel 2005 partecipano al Festival di Sanremo, nella sezione “giovani”, con il brano “Riesci a innamorarmi”, ottengono buoni consensi di critica e tanti passaggi radiotelevisivi. Nell'agosto dello stesso anno partecipano alla “Giornata mondiale della gioventù”, tenutasi a Colonia, dove suonano il loro brani di fronte ad un vastissimo pubblico. Il 29 settembre 2006, pubblicano finalmente il loro secondo lavoro dal titolo “Quello che non ti ho detto”, che entra già dalle prime settimane nelle parti alte della classifiche di vendita. L'11 aprile del 2008 esce nelle Radio il singolo “Sarò sincero”, primo estratto dal nuovo disco, in uscita a maggio. Il 12 marzo 2010 esce la ballata rock “Sono già solo”, il nuovo singolo della band, in airplay radiofonico. Il brano raggiunge la nona posizione della classifica Top Digital Download stilata dalla Fimi Il gruppo è composto da Francesco “Kekko” Silvestre, voce; Diego Arrigoni, chitarra elettrica; Stefano Forcella, basso elettrico; Enrico Zapparoli, chitarra elettrica ed acustica; Claudio Dirani, batteria; Paolo Bovi, tastiere. Costo del biglietto: 5 euro inclusa prevendita Siae

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!