Il Pdci di Ugento interroga sindaco e assessori

Per il consigliere Minenna le questioni riguardano lo sbancamento del cordone dunale e l’allargarsi non autorizzato di lidi e parcheggi selvaggi

Con un'interpellanza urgente, il consigliere del Pdci – Federazione della Sinistra di Ugento, Angelo Minenna, chiede al sindaco on.le Eugenio Ozza, all’Assessore all’Ambiente, avv. Massimo Lecci e all’Assessore all’Urbanistica, Territorio e Demanio geom. Antonio Mauro, ognuno per i propri ruoli e per le rispettive competenze istituzionali, di far pervenire in forma scritta, ampia e dettagliata, una relazione in merito a questioni inerenti il problema dello sbancamento del cordone dunale in località Lido Marini; dell’allargarsi senza alcuna autorizzazione di lidi e stabilimenti balneari lungo tutta la costa ugentina; dei parcheggi selvaggi nei pressi di località Pazze a Torre San Giovanni e in località Macalone a Torre Mozza e di conseguenza della richiesta di interventi e sanzioni urgenti. Il consigliere evidenzia che con l’inoltrarsi della stagione estiva, le nostre località balneari sono letteralmente prese d’assalto da turisti e vacanzieri e ciò comporta una pressione antropica e una presenza spropositata di automezzi e ciclomotori fuori da ogni limite e controllo, che spesso sconfina nel danneggiamento al delicato, e già compromesso da diversi fattori, ecosistema delle dune e di tutta la fascia costiera. “In particolare si verifica che in alcuni tratti della costa (località Pazze ad Ugento, nel tratto finale tra Corso Annibale, Lungomare Iapigia e la litoranea Gallipoli – S.M. di Leuca; Punta del Macalone a Torre Mozza e Lungomare Tiepolo a Lido Marini) sia diffusissimo il parcheggio abusivo e il successivo spianamento di ampi tratti di duna sabbiosa da parte di scellerati ed incoscienti automobilisti e camperisti, nonostante sia espressamente vietato dalla legge la sosta ed il parcheggio su aree comunali o demaniali (se non espressamente autorizzato da diverse disposizioni, o se l’area non sia di proprietà privata): non è difficile in questi giorni vedere, in tutte le ore della giornata, macchine e camper parcheggiati su ampi tratti di litorale o di scogliera”. Tutto ciò, “oltre che danneggiare l’ambiente, è anche un indice di scarsa attenzione verso il decoro urbano e l’immagine turistica complessiva di Torre San Giovanni e delle marine di Ugento”, territorio “sede di Parco Naturale Regionale e Città d’arte a prevalente economia turistica”. “Inoltre – afferma il consigliere – giungono voci di consistenti sbancamenti ed ampliamenti oltre ogni limite dei concessionari di hotel e stabilimenti balneari lungo la costa ugentina di Lido Marini: pare infatti che nessun addetto alla vigilanza del nostro Comune abbia notato questo, e che, come succede di sovente e sempre più spesso, cittadini, turisti (che, occorre sottolinearlo, iniziano a ricercare ampi tratti di spiaggia libera non attrezzata!!!) e associazioni per la tutela del territorio, nonostante i ripetuti richiami giunti presso il Corpo di Polizia Municipale, si siano dovuti rivolgere alla caserma della Guardia di Finanza di Casarano per i dovuti accertamenti in merito. Pare infatti che le 'Fiamme Gialle' nelle settimane passate abbiano effettuato diversi controlli e sanzionato diversi lidi in merito a quanto sopra esposto. Questi problemi sono ormai ciclici, annosi ed incresciosi e sono stati più volte dal sottoscritto richiamati e portati all'attenzione mediante sollecitazioni verbali e interrogazioni in sede di Consiglio Comunale. Inutile dire che ciò, oltre che logorante per gli interessi complessivi del nostro territorio, sta assumendo il carattere del farsesco e del grottesco, tenuto conto che già da tempo, in sede di Piano Comunale delle Coste, le misure per il drastico ridimensionamento di tali fenomeni sono già state individuate”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment