Incidono le monetine e individuano il ladro

Stratagemma dei carabinieri: monete segnate con chiodo e martello. Scoperto e arrestato in flagranza di reato un 31enne barese

Ieri sera, a Nardò, i carabinieri della locale stazione, hanno arrestato in flagranza di reato Antonio Capasso, trentunenne di Bari. L'antefatto: alcuni giorni prima, il proprietario di un esercizio commerciale del luogo, aveva denunciato un ammanco di denaro dal registratore di cassa. La perdita si verificava quotidianamente. Per individuare il responsabile del furto, i carabinieri, armati di martello e chiodo, hanno “segnato” tutte le monetine da uno e due euro presenti nel registratore alla chiusura. Così, quando l'addetto alle pulizie, Antonio Capasso, terminato il lavoro, è uscito dal locale, i carabinieri lo hanno bloccato e perquisito rinvenedo 140 euro, 40 di cui segnati dall'incisione. Il denaro recuperato è stato restituito al proprietario dell'esercizio commerciale e Capasso è stato arrestato e trasferito presso la Casa circondariale di Lecce Le indagini verificheranno se Capasso è autore anche di altri ammanchi verificatisi nello stesso locale, anche nei giorni precedenti.

Leave a Comment