Disoccupato? Mettiti in “cantiere”

Casarano. Piccoli lavori di manutenzione affidati a 40 disoccupati. 180 le richieste di lavoro arrivate in Comune

Sono più di 180 le richieste giunte al Comune di Casarano e circa 40 le persone, tutte disoccupate, che hanno trovato un’occupazione, sia pure limitata nel tempo, grazie ai cantieri di lavoro. Si va dai lavori di pitturazione e di verniciatura a quelli di piantumazione e di manutenzione del verde pubblico. A beneficiare di questi lavori sono stati, solo per fare alcuni esempi, i giardini nei pressi dell’ospedale «Francesco Ferrari», le aiuole di piazza San Domenico e l’asilo nido comunale “Le giovani marmotte”. Grazie ai cantieri di lavoro, le strutture di recinzione in muratura ed in ferro e lo stesso edificio sono stati tinteggiati e verniciati, curando i più piccoli dettagli. I giardinetti esterni sono stati fresati e abbelliti con muretti a secco e con la piantumazione di fiori. “Mi piace sottolineare – spiega l’assessore ai lavori pubblici Marcello Torsello – il risvolto sociale di quest’operazione, che coinvolge, pur rimanendo nell’ambito delle prestazioni occasionali, dei disoccupati. In tal modo si dà a chi è senza occupazione e, a volte, senza una professionalità specifica, la possibilità di apprendere i rudimenti di una professione”. La delibera sui cantieri di lavoro è stata approvata lo scorso novembre. Il primo cantiere è partito a maggio, dopo l’emanazione del bando per la creazione di una lista da cui attingere. “I risultati dei cantieri di lavoro – commenta il sindaco Ivan De Masi – sono ormai sotto gli occhi di tutti. La proposta di istituire con un’apposita delibera di Giunta, lanciata dall’assessore Marcello Torsello e che abbiamo sposato in pieno, si è dimostrata di lunghe vedute”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment