JazzinPuglia, per una calda estate

Piazza Libertini ospiterà il festival musicale giunto alla sua XI edizione, in programma a Lecce il 18 e 19 luglio prossimi.

Un’estate calda un’estate all’insegna della musica, della cultura, del grande jazz. Ecco il prestigioso evento, “JazzinPuglia 2010”, prodotto dalla South Productions, che rientra nell’ambito del “Festival Salento d’Amare” della Provincia di Lecce, ed è stato realizzato in collaborazione e con il patrocinio di Regione Puglia e del Comune di Lecce. Domenica 18 luglio il festival si aprirà con lo spettacolo del compositore e violinista salentino Alessandro Quarta, con un inedito jazz project creato appositamente per l’evento. A seguire PugliAmerica, il nuovo disco di Maurizio Petrelli & Big. Band. Ma l’appuntamento clou del Festival è, senza dubbio, quello in programma per lunedì 19 luglio con la Pat Metheny Group. “La Provincia di Lecce sostiene con entusiasmo 'JazzinPuglia' e lo ha inserito nel prestigioso ‘Festival Salento d’Amare’, che sarà presentato alla stampa nei prossimi giorni. Questo perché siamo convinti che si tratti di uno degli eventi culturali e musicali più importanti dell’anno', ha dichiarato, a margine della presentazione, la vice presidente della Provincia di Lecce Simona Manca. “Siamo consapevoli di essere in un momento di crisi economica per gli enti pubblici e, molto spesso, in queste situazioni la cultura riveste la parte della ‘cenerentola’. Per la Provincia di Lecce non è così. Quest’anno, con il calendario che andremo a presentare nei prossimi giorni, abbiamo selezionato gli eventi più importanti che si caratterizzano per un altissimo livello qualitativo. Questo ci ha consentito di creare un’offerta culturale eccellente, capace di coniugare scambio culturale e promozione del territorio 'JazzinPuglia', insieme con gli altri appuntamenti che abbiamo confezionato per l’estate salentina, rende il nostro territorio una delle mete preferite per i turisti ed è, inoltre, una occasione irripetibile per i nostri giovani talenti che avranno modo di confrontarsi con artisti di fama internazionale”, ha concluso la vicepresidente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment