Tentato omicidio di Taurisano, il pm chiede 12 anni

12 anni la condanna chiesta dall'accusa nel giudizio abbreviato nei confronti di Michele Erinnio, il 43enne di Cerignola accusato del tentato omicidio di Luca Capocefalo, avvenuto il 19 agosto scorso a Taurisano

Il sostituto procuratore della Repubblica di Lecce, Giovanni Gagliotta, ha chiesto una condanna a 12 anni di reclusione, a seguito di giudizio abbreviato, per Michele Erinnio, il 43enne di Cerignola accusato del tentato omicidio di Luca Capocefalo, avvenuto il 19 agosto scorso a Taurisano. Secondo la ricostruzione dei fatti Erinnio avrebbe sparato al suo concittadino per questioni economiche. Ad armare la mano dell’uomo, infatti, il mancato pagamento da parte di Capocefalo di un debito contratto con l’imputato. Le indagini, condotte dai carabinieri della Compagnia di Casarano, portarono all’arresto di Erinnio con l’accusa di tentato omicidio. Indagini brevi nonostante la reticenza della stessa vittima, che dichiarò di non conoscere il nome del suo aggressore. Dichiarazioni che sono costate a Capocefalo l’accusa di favoreggiamento e la richiesta di condanna ad 1 anno e 6 mesi. A incastrare gli imputati, le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza collocato nei pressi dell’abitazione della vittima. Le immagini avrebbero mostrato chiaramente Capocefalo, Erinnio e sua figlia entrare nell’appartamento. I drammatici fotogrammi seguenti mostrerebbero Capocefalo ferito ad una gamba mentre cerca di fuggire e Erinnio che lo insegue armato di pistola. Curiosamente a salvare la vittima ed evitare che non ci fossero conseguenze più gravi, fu una delle monete (da 5 centesimi) che l’uomo aveva in tasca, e che riuscì a deviare il colpo, evitando che il proiettile potesse raggiungere l'arteria femorale. L’imputato è difeso dall’avvocato Luigi Corvaglia. L’udienza è stata aggiornata al prossimo 21 luglio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!