Buccoliero nello staff dirigenziale della Pro-Patria

Buccoliero nello staff dirigenziale della Pro-Patria, storica squadra di calcio leccese

Il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero, esordisce da dirigente nel settore calcistico di terza categoria, entrando ufficialmente a far parte dello staff dirigenziale della storica squadra di calcio “Pro Patria” di Lecce. Si tratta di un incarico che il consigliere Buccoliero ha accolto con grande entusiasmo, confermando così la sua vicinanza allo sport non solo da tifoso e praticante, ma anche da rappresentante delle istituzioni. “Si tratta di un impegno che accolgo con grande soddisfazione – ha dichiarato il consigliere Buccoliero – perché mi permette non solo di vivere le passioni di uno sportivo che segue e pratica il calcio, ma mi offre la possibilità di essere accanto a dei ragazzi e a una dirigenza, che dal 1947 incarna, a Lecce, quei valori essenziali a cui deve ispirarsi, costantemente, il mondo sportivo e non solo. Lealtà, sacrificio, impegno, rispetto dell’avversario e delle regole, infatti, sono solo alcuni dei punti fermi, che dovrebbero ispirare il cammino non solo degli sportivi, ma di quanti hanno a cuore il bene delle proprie comunità. Per quanto mi riguarda, sarò a disposizione di una squadra che, nel corso degli anni, ha rappresentato e continua a rappresentare un luogo di incontro e di crescita per tanti ragazzi, che nella Pro Patria hanno trovato una seconda famiglia. Un discorso che vale non solo per la Pro Patria, ma per tutte quelle squadre, anche di sport minori, che rappresentano per tanti ragazzi e giovani un punto di riferimento fondamentale. Un motivo in più, per sostenere a 360° l’attività sportiva su tutto il territorio pugliese, incoraggiando tutte quelle iniziative, che, seppur a livello dilettantistico, contribuiscono alla formazione sportiva e umana delle nuove generazioni. E in questo senso – conclude Buccoliero – un plauso particolare va al presidente della Pro Patria Lecce, “maestro Gino”, che ha speso un’intera vita per la promozione dello sport, militando sempre in campionati dilettantistici che, forse, più di altri, favoriscono la socializzazione e la crescita umana dei ragazzi, rappresentando una vera palestra di sport e di vita”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati