Gruppo MeP: Dimissioni autonome dalla VII Commissione

Gruppo MeP: “Dimissioni autonome dalla VII Commissione: La maggioranza perde un'occasione per dimostrare attenzione istituzionale alla minoranza”

In maniera autonoma il gruppo di “Moderati e Popolari” composto dai consiglieri regionali Antonio Buccoliero, Nicola Canonico e Giacomo Olivieri, si dimette dalla VII Commissione “Affari Istituzionali”, che nella giornata odierna ha definito la sua composizione, eleggendo il presidente nella persona del consigliere dell’UDC, Giannicola De Leonardis. Le ragioni sono spiegate, in un comunicato, dal consigliere regionale e presidente di Mep, Antonio Buccoliero. “Non si è mai certi in politica – dichiara Buccoliero – quando valgano le regole e quando valga la mediazione. La maggioranza va a correnti alterne e schizofreniche. Sostiene che la VII commissione non sia una commissione di garanzia e che, quindi, non spetti all’opposizione la presidenza, ma fa votare un rappresentante dell’UDC (che formalmente è opposizione). Se le regole esistono, devono essere rispettate. Se è commissione ordinaria, il presidente non può che essere della maggioranza. Se è commissione di garanzia, la scelta del presidente deve spettare alla volontà dell’opposizione. È, però, notorio: quando non si sa come uscirsene dalle difficoltà si usa la tecnica della legge della convenienza. La maggioranza trema all’idea che venga bocciato il ricorso degli otto consiglieri esclusi dalla proclamazione e, essendo claudicante, cerca una stampella nell’UDC. Ci si affanna ad argomentare in mille modi ma la sostanza è sempre quella: un diritto sacrosanto dell’opposizione è stato negato. Per questa ragione, in maniera del tutto autonoma, il gruppo MeP ha deciso di dimettersi dalla VII Commissione. Felicitazioni, tuttavia – conclude Buccoliero – sono espresse a favore del neo Presidente della VII commissione, Giannicola De Leonardis, per lo spessore morale rappresentato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment