Giovani contro la droga

Appuntamento domani alle ore 17:00 a Palazzo Carafa per una riflessione sul mondo dei giovani organizzato dal Comune di Lecce e Comunità Emmanuel

In occasione della Giornata Mondiale contro la droga in programma per il 26 giugno prossimo, l’amministrazione comunale di Lecce e la Comunità Emmanuel, che opera da trent’anni nel campo del disagio giovanile e delle dipendenze, ha organizzato per domani alle ore 17.00 presso Palazzo Carafa un incontro dal titolo “La condizione giovanile: pubblico e privato sociale per il futuro di Lecce”. L'ntento dell’incontro è quello di favorire un dialogo propositivo e costruttivo tra pubblico e privato sociale sul tema della condizione giovanile a Lecce. Il dialogo si aprirà con una comunicazione di padre Mario Marafioti, fondatore della Comunità Emmanuel, sul senso dell’iniziativa, guardando al mondo giovanile nel trentesimo anniversario della Comunità Emmanuel e a breve distanza dalla giornata mondiale contro la droga che, minacciando soprattutto i giovani, minaccia il futuro di tutti. Interverrà anche il sindaco Paolo Perrone che illustrerà i programmi e le politiche sociali dell’amministrazione comunale sul mondo giovanile. Seguiranno comunicazioni, domande e proposte dei rappresentanti del privato sociale più direttamente impegnati con i giovani a Lecce, nonché di rappresentanti del Ser.T. (Servizio per le Tossicodipendenze) di Lecce, di Luigi Spedicato, docente dell’Università del Salento, e di Luigi Russo, presidente del CSV (Centro Servizi Volontariato) Salento. All’interno dell’iniziativa il gruppo gEmic1 (Giovani Emmanuel musici) terrà un concerto in piazza Sant’Oronzo venerdì 25 giugno con inizio alle ore 20.30.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!