Arrestato per possesso e spaccio di droga

I carabinieri di Lecce lo tenevano sott’occhio da tempo. Le perquisizioni personale e domiciliare hanno permesso di confermare i sospetti ed arrestare Antonio Pallara

Era da tempo sotto l’attenzione dei militari del Nucleo Operativo e Radiomobile dei Carabinieri di Lecce in quanto notato in più circostanze aggirarsi a piedi nei pressi del vecchio ospedale Vito Fazzi, ingresso di Piazza Bottazzi, luogo di transito abituale di tossicodipendenti per via della presenza del Sert. Così ieri mattina i carabinieri hanno deciso di vederci chiaro e di andare più a fondo con i controlli che, infatti, hanno condotto ad un risultato: Antonio Pallara, di Lecce, aveva con sé circa 5 grammi di eroina. I militari hanno pertanto stabilito di procedere alla perquisizione domiciliare, che ha portato al rinvenimento di 10 grammi di eroina e 100 euro in banconote di vario taglio. Nell’appartamento è stato poi trovato tutto in necessario per il confezionamento delle dosi, bilancino, forbice, oltre ad un numero considerevole di ritagli di cellophane pronti per essere sigillati con la droga all’interno. Erano tutti sopra al tavolo della cucina, una sorta di Drugkitchen. La perquisizione è stata svolta con l’ausilio del cane antidroga della Compagnia della Guardia di Finanza di Lecce che ha trovato parte dello stupefacente. Dati gli elementi raccolti, d’intesa con l’Autorità Giudiziaria si è proceduto all’arresto di Pallara, associato presso la casa circondariale di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!