Veglie, rapina ad una gioielleria

Due finti clienti hanno immobilizzato il proprietraio di una gioielleria e svuotato la cassaforte. Indagano i carabinieiri di Campi

Nuova rapina ieri pomeriggio a Veglie. Erano passate da poco le 18.30 quando due individui, all’apparenza normali clienti, si sono recati nella gioielleria “Mary coral” in via Mazzini n. 62 e di proprietà di E.S., napoletano di origine ma residente a Veglie. I due, con la scusa di dover fare degli acquisti, hanno convinto il gioielliere ad aprire la cassaforte per visionare un anello. Non appena il proprietario si è distratto però, uno dei rapinatori lo ha bloccato mentre il complice si è rapidamente impossessato di numerosi gioielli presenti all’interno della cassaforte. I due uomini hanno poi immobilizzato la vittima con del nastro adesivo di piccole dimensioni. Il gioielliere è riuscito a liberarsi solo dopo che i due si erano dati alla fuga, allertando quindi i carabineri della locale stazione. A loro, coadiuvati dai militari e del nucleo operativo della Compagnia di Campi, sono affidate le indagini per risalire ai due rapinatori. Fondamentale potrebbe risultare l'analisi delle video riprese del sistema di sorveglianza. Per il gioielliere fortunatamente solo un pomeriggio di paura ma nessun problema fisico. Più grave il danno economico. I beni, infatti, non sono assicurati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!