Copersalento chiusa. Nuova primavera magliese

Arpa Puglia rileva una diminuzione di inquinanti pericolosi nel territorio di Maglie

Il Coordinamento Civico per la Tutela del Territorio e la Salute dei Cittadini interviene dopo la pubblicazione delle indagini effettuate da Arpa Puglia in merito alla contaminazione dell'ecosistema e del territorio di Maglie antistante l'impianto di incenerimento di rifiuti e biomasse di Copersalento. È di questi giorni, infatti, la notizia della leggera diminuzione delle concentrazioni di inquinanti pericolosi, quali le diossine, nel territorio magliese. “E’ la primavera di una nuova era finalmente attenta al nostro delicato habitat.” – fa sapere dal direttivo Oreste Caroppo – “Questa diminuzione, da un lato, mostra come a camino spento dell’inceneritore non si siano avute altre pericolosi emissioni chimiche addizionali a quelle già presenti nell'ecosistema gravemente inquinato. Dall'altro lato, le misurazioni scientifiche recenti rivelano una capacità di lento risanamento dell'ambiente; fermo restando che non dobbiamo dimenticare che molti degli inquinanti si accumulano ai vertici della catena alimentare nei tessuti adiposi di erbivori e predatori. Pertanto, l'azione di pascolo decennale ha asportato le diossine dai suoli e vegetali e le ha bioaccumulate nei prodotti caseari e nelle carni degli animali che sono finiti sulle nostra tavole”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!