Raggi cosmici: l'esperimento Argo in Tibet decolla grazie ai ricercatori salentini

Misurata la “Sezione d'urto” protone-protone grazie a un'analisi dei dati interamente eseguita da ricercatori dell'Università del Salento

L’esperimento italo-cinese Argo-Ybj, che si svolge presso il laboratorio d’alta quota di YanBaJing, in Tibet, e si occupa dello studio dei raggi cosmici, è stato presentato sul sito del comitato internazionale “Aspera” con riferimento a uno dei suoi risultati scientifici di particolare rilievo per la fisica delle alte energie: la misura della sezione d’urto (cross section) protone-protone a energie confrontabili con quelle ottenibili con gli acceleratori di particelle. Nella figura riportata nella comunicazione di Aspera (comitato che elabora le strategie per i grandi esperimenti in fisica astro-particellare in Europa), l’intervallo di energie accessibili all’esperimento Argo-Ybj è confrontato con l’energia massima raggiungibile dall’acceleratore LHC recentemente entrato in funzione al Cern di Ginevra. Questo risultato è frutto di un’analisi dei dati dell’esperimento eseguita interamente a Lecce da ricercatori che partecipano all’esperimento e che fanno parte dei dipartimenti di Fisica e di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento e della sezione leccese dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Si tratta dei fisici Paolo Bernardini, Ivan De Mitri, Giovanni Mancarella, Giovanni Marsella, Daniele Martello, Marco Panareo, Lorenzo Perrone, Antonio Surdo e Pietro Creti, delle assegniste di ricerca Carla Bleve e Anna Karen Calabrese Melcarne, del dottorando Giovanni Zizzi, dei tecnici di laboratorio Roberto Assiro e Carlo Pinto. È possibile leggere la presentazione sul sito di Aspera.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!