Emma Marrone superfavorita alla vittoria di Amici 9

Appuntamento questa sera alle 21.10, su Canale 5, con la finalissima del talent show condotto da Maria De Filippi

Evitiamo di avventurarci in pronostici, anche se la sensazione è piuttosto netta: Emma Marrone sembra destinata a chiudere da vincitrice la nona edizione di “Amici”, il talent show condotto da Maria De Filippi che già lo scorso anno ha incoronato un'altra cantante salentina, Alessandra Amoroso. Emma, grinta da vendere e voce graffiante, ha venticinque anni. E' nata a Firenze ma fin da piccola vive ad Aradeo con la famiglia. Ha all’attivo una partecipazione a un altro talent show, Superstar Tour, che l’ha vista trionfare nella girlband poi rivelatasi fallimentare, le Lucky Star. A volerla fortemente nella scuola di “Amici” è stato il maestro Charlie Rapino, inizialmente devoto sia a lei che a un'altra cantante in gara, Loredana Errore. Con l’inizio del serale, quando si è trovato di fronte a una scelta, il maestro e discografico ha preferito la Marrone, tirando fuori come giustificazione “Emma rules, Emma comanda”, diventato ben presto un tormentone tra i fan. Emma ha mostrato sin da subito un carattere particolarmente passionale, nonché un linguaggio tutto suo consacrato da frasi cult come “Tanta roba” o “Un cantante mi deve alzare il pelo per emozionarmi”. In attesa del rush finale in onda questa sera, dalle 21.10, su Canale 5, il suo Ep “Oltre” (Universal), vola nelle classifiche italiane. La classifica Fimi di questa settimana infatti, la incorona first lady della musica. Ecco il singolo “Calore” che impazza già nelle radio italiane: Nella gara finale di questa sera, Emma dovrà sfidare altri tre cantanti: il cantautore Pierdavide Carone (anche lui salentino, di Palagianello, in provincia di Taranto), Loredana Errore e il tenore Matteo Macchioni. I suoi amici e concittadini seguiranno la diretta da un maxischermo predisposto nella piazza centrale di Aradeo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!