Casarano verso la differenziata spinta

Dal 1° aprile sarà avviato il nuovo metodo di raccolta dei rifiuti. “Ogni cittadino è chiamato direttamente a farsi carico della tutela dell'ambiente in cui vive”, afferma De Marco

Comincerà da martedì prossimo, 30 marzo, la progressiva rimozione dei cassonetti dal territorio comunale, in vista dell’avvio, previsto dal 1° aprile, del nuovo servizio di raccolta differenziata spinta. Lo ha ufficializzato Palazzo dei Domenicani con una comunicato stampa diramato ieri. L’esecutivo cittadino ha inoltre comunicato che, per motivi organizzativi, il porta a porta partirà dalla zona compresa tra contrada “Pietra Bianca”, dove il progetto era già iniziato negli scorsi anni in forma sperimentale, e via Matino (in sostanza, il quartiere intorno all’ospedale “Ferrari”). A seguire, il servizio si estenderà a macchia d'olio, sino a coprire, nel giro di un paio di settimane, l'intero territorio comunale. Insieme al ritiro dei cassonetti dalle strade, gli operatori della “Geotec” (la ditta appaltatrice) consegneranno alle famiglie i contenitori, di colore marrone, che serviranno per la raccolta della frazione umida indifferenziata e il nuovo calendario di raccolta. Questo, rispetto al passato, subirà sostanziali modifiche. Dal 1° aprile, infatti, a cominciare dalle zone liberate dai bidoni pubblici, sarà il seguente: la frazione umido (bidone marrone) verrà ritirata ogni lunedì, mercoledì, venerdì e sabato; la plastica (bidone giallo) tutti i martedì; la carta (busta bianca) verrà ritirata tutti i giovedì; infine, il vetro e l’alluminio (bidone verde) verranno ritirati il primo e il terzo sabato di ogni mese. Nei giorni scorsi, Attilio De Marco, assessore all’Ambiente, ha incontrato gli amministratori di condominio chiamati ad optare per contenitori di grandi dimensioni, in modo tale da rispondere alle esigenze dell’intero palazzo, o per contenitori molto più piccoli da collocare in ogni singolo appartamento. Ovviamente, affinché la differenziata spinta sia effettivamente efficace non è sufficiente attivare il nuovo servizio. “Si tratta – sostiene il sindaco Ivan De Masi – di una nuova modalità di raccolta dei rifiuti che richiederà il fattivo contributo di tutti e che interpella ogni singolo cittadino, chiamato direttamente a farsi carico della tutela dell'ambiente in cui vive. Per questo – conclude il primo cittadino – faccio un appello a tutti i miei concittadini, affinché colgano questa occasione e si facciano protagonisti della salvaguardia del territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!