Apicoltura. Un corso nel parco di Otranto

Le lezioni alla scoperta del mondo delle api saranno tenute da apicoltori del Cea, Centro di educazione ambientale di Andrano

Nuovo corso organizzato nel parco Otranto-Santa Maria di Leuca da un apicoltore del Centro di Educazione ambientale di Andrano, che estende la propria attività pure a Diso, Spongano e Santa Cesarea Terme. Il gruppo è costituito da cittadini appassionati della natura che, con una serie di iniziative, mirano a sostenere la conversione delle pratiche agricole convenzionali ad elevati input energetici e chimici verso modelli di agricoltura sostenibile, con particolare riferimento all’agricoltura biologica. A questo c’è da aggiungere che il mix di esperienza più che ventennale dell’apicoltore insieme alle competenze e agli ausili didattici messi a disposizione dal Cea, riuscirà a garantire agli utenti un’esperienza diretta di apicoltura con tutte le connessioni ecologiche che questo allevamento mette in atto. Durante le lezioni teoriche e ovviamente pratiche ognuno sarà messo nelle condizioni di scoprire per esempio l’affascinante biologia dell’ape, le diverse tappe dell’annata apistica, i fiori dai quali le minuscole creature traggono nutrimento, in un susseguirsi incessante di momenti di apprendimento, di esercizio alla manualità, con esperienze emotive ed educative di alto valore. Il programma del corso verrà presentato nei prossimi giorni nei locali del Cea ad Andrano (Castello “Spinola-Caracciolo”) con un’escursione presso l’apiario, sede delle lezioni pratiche. Altre info: Cea di Andrano tel. 3200369296.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!