Disegnano l’aria con la musica. A Lecce i Kataklò

“Con tanto impegno siamo riusciti a portare a Lecce ‘Play’, l’ultimo spettacolo dei Kataklò” dice il maestro Pier Luigi Camicia. L’Athletic Dance Theatre sarà domani al Teatro Politeama Greco di Lecce

di Daria Ricci Domani i Kataklò saranno ancora una volta a Lecce. A far arrivare la straordinaria compagnia, nata dalla creatività di Giulia Staccioli, che porta in scena l’ultimo spettacolo “Play”, la “Camerata Musicale Salentina”. Un Cartellone che sta riscuotendo consensi e tanto pubblico. E’ soddisfatto il maestro Pier Luigi Camicia, direttore artistico della Camerata e direttore del Conservatorio di musica “Tito Schipa” di Lecce. “Una Stagione che sta avendo consensi e successo – dice -. Ringraziamo la buona sorte e il pubblico che sta seguendo i nostri appuntamenti. Ciò vuol dire che ha gli stessi nostri amori”. I Kataklò a Lecce? “Un gruppo magico. Disegnano l’aria con la musica. Sono così belli da vedere che vanno bene in qualsiasi programma. Anche nel nostro Cartellone, che abbraccia soprattutto la musica classica”. E aggiunge: “E’ stato difficile portarli a Lecce, ma grazie anche all’impegno del presidente della Camerata Gaetano Schirinzi, ci siamo riusciti”. E Schirinzi: “Abbiamo lavorato tanto, anche perché nella loro prima tournèe il teatro era occupato, quindi per questione di tempi non siamo riusciti a farli venire. In questa seconda loro tournèe ce l’abbiamo fatta. E’ uno spettacolo significativo e educativo. Impegnano il corpo umano in maniera decisa e splendida”. Contenti per la Stagione? “Sì, ci ha fatto piacere vedere tanti volti nuovi e tanti giovani. I prossimi due appuntamenti della Stagione Sinfonica della Fondazione ‘Ico’, il concerto con il maestro Salvatore Accardo e quello con l’Orchestra della Magna Grecia e il maestro Luis Bacalov, hanno la nostra collaborazione. Una collaborazione che ci ha portati a un incremento qualitativo degli spettacoli”. “Play” sarà uno spettacolo ricco di poesia. Danza e sport. Acrobazie. Corpi raffinati e suggestivi. Camaleontici, dinamici. Giochi di musica e colori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!