Omaggio al campione del mondo di Forgiatura

L'omaggio, pochi giorni fa, ad Antonio Elia con una manifestazione voluta dall’amministrazione comunale di Poggiardo

Poggiardo rende omaggio al Campione del mondo di forgiatura Antonio Elia. Si è svolta l’altro giorno, alla presenza tra gli altri del sindaco Silvio Astore, dell’assessore provinciale Salvatore Perrone, del consigliere regionale Aurelio Gianfreda presso l’aula magna dell’Istituto Statale d’Arte “Nino della Notte” la manifestazione voluta dall’amministrazione comunale per onorare il compaesano Elia, classificatosi primo al Concorso Internazionale di Disegno e Progettazione e secondo al Campionato del Mondo di Forgiatura categoria singolo maschile, agli ultimi campionati mondiali di forgiatura svoltisi a Stia in Provincia di Arezzo nello scorso settembre, a cui hanno partecipato oltre 50 espositori e 200 fabbri in rappresentanza di 20 nazioni. Tra essi, come detto, ha trionfato Antonio Elia entrato nel guinness dei primati perché unico concorrente nella storia della manifestazione, nata nel 1973, ad aver partecipato a tre edizioni e ad aver vinto quattro premi. Nel 2003 alla prima edizione del campionato del mondo di forgiatura, insieme al padre Salvatore, si era classificato al secondo posto nella categoria a squadre; nel 2005, alla seconda edizione del campionato mondiale e sempre nella categoria a squadre, era giunto al terzo posto insieme a Mauro Arena; nel 2009 la consacrazione. “Ci riempie di orgoglio avere un nostro concittadino che con le sue capacità è salito sul tetto del mondo – ha detto il sindaco di Poggiardo Silvio Astore – primo tra i migliori artigiani di un arte antica e nobile di cui Poggiardo, peraltro, vanta una lunga e ricca tradizione. Antonio Elia rappresenta l’evoluzione, l’eccellenza di un artigianato che richiede studio, manualità, passione, creatività. La sua storia è esemplare e spero sia da stimolo per tanti giovani. Poggiardo rappresenta il luogo ideale per chi abbia intenzione di diventare un artigiano del ferro battuto con un prestigioso Istituto Statale d’Arte e grandi artigiani presso cui perfezionarsi e diventare grandi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!