Tutti i vincitori del XXIV Premio internazionale di Cultura

Il centro culturale europeo “Aldo Moro” di Lecce e l'associazione Aede hanno assegnato i riconoscimenti alle personalità che si sono distinte nei settori Arte, Cultura, Poesia, Impresa e Tecnologia. La cerimonia si è svolta all'hotel Tiziano di Lecce

Se per molti anche fare impresa è un arte, la XXIV edizione del Premio internazionale di cultura casca quasi a fagiolo premiando quest’anno, tra gli altri, l’azienda di abbigliamento Romano di Matino. Ma tanti altri sono stati i riconoscimenti assegnati sabato sera, nell’hotel Tiziano, dagli organizzatori del Centro culturale europeo “Aldo Moro” di Lecce, che ha istituito il Premio nel lontano 1986 in collaborazione con l’Associazione europea degli insegnanti (Aede). Il Premio di qualità e merito per l’Arte è andato a Luciana Palmieri, presidente della fondazione “Palmieri” di Lecce nata con lo scopo di veicolare la cultura salentina nel mondo. Per lei, parole di stima e ringraziamento da parte del sindaco Paolo Perrone per l’importante opera di restauro dell’antica Chiesa di San Sebastiano, oggi sede della fondazione ubicata nel cuore del centro storico del città di Lecce, in via Dei Sotterranei. L’Aede e il Centro “Aldo Moro” diretto da Clara Minichello, hanno poi assegnato il premio per la Tecnologia all’ingegnere elettronico salentino Mariangela Orme, e quello per la Cultura all’istituto tecnico commerciale “Cezzi De Castro” di Maglie. Altri riconoscimenti sono andati ai finalisti del concorso di poesia, e agli studenti segnalati dalle diverse scuole di provenienza nella sezione Talenti. La cerimonia ha visto la partecipazione del console onorario della Repubblica di Croazia, Rosa Alò, nonché dei vertici dell’Aede e di numerose autorità civili. Nel corso degli anni, l’Aede ha premiato importanti personalità italiane e straniere (si ricordano il premio per la Solidarietà al preside Reno Sacquegna, presidente Unicef, o il premio per la Cultura europea a Romano Prodi) dimostrando l’importante ruolo della cultura come occasione di incontro, di scambio e di dialogo interculturale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!