Lavoro irregolare. Otto aziende chiuse e multe salate

Oltre a sanzioni amministrative e per irregolarità in tema di igiene e sicurezza, gli ispettori del lavoro della Direzione di Lecce hanno emesso una “maxisanzione” per lavoro nero pari a 58.750 euro

Una vasta operazione di vigilanza è stata portata a termine, nel corso della prima settimana di marzo, dagli ispettori del Lavoro e dai carabinieri del Nucleo Ispettorato Lavoro presso la Direzione Provinciale del Lavoro, coordinata dal direttore Giocondo Lippolis. L’attività di controllo ha riguardato principalmente imprese del settore edile e del commercio operanti sull’intero territorio della Provincia di Lecce. In particolare sono state contestate contravvenzioni penali relative alla mancata sorveglianza sanitaria, alla formazione ed all’informazione, all’addestramento, nonché alla mancanza di dispositivi di protezione individuale. Violazioni da considerarsi ancora più gravi del normale laddove hanno riguardato i lavoratori “in nero”, sprovvisti di qualsivoglia forma di tutela. Proprio in tema di lavoro nero, i numerosi accertamenti hanno portato alla luce un grave scenario al punto da determinare, in pochi giorni, l’emanazione di otto provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale. I numeri parlano chiaro: le aziende ispezionate sono state in tutto 12; di queste quelle irregolari sono state nove; sono stati emanati otto provvedimenti di sospensione dell’attività lavorativa. I lavoratori identificati sono stati in tutto 61; di questi 34 sono risultati irregolari, 16 totalmente in nero. Al termine dei controlli nove imprenditori sono stati deferiti all’autorità giudiziaria e sono state emesse 48 contravvenzioni in materia di igiene e sicurezza, una “maxisanzione” per lavoro nero pari a 58.750 euro, altre sanzioni amministrative per 16.946 euro e per recupero crediti pari a 10mila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!