Tutti i “numeri” di Lecce

GUARDA IL VIDEO. E' stato presentatato questa mattina l’annuario ” Lecce in cifre” redatto dall'Ufficio Statistica in collaborazione con l'Istat. Oltre ai dati anagrafici, anche quelli che riguardano il clima, l’istruzione, la sanità, le attività economiche, il turismo e la sicurezza

L’Ufficio Statistica ha realizzato l’annuario “Lecce in cifre 2008”, che raccoglie in maniera ragionata e completa una nutrita serie di dati non solo di valore statistico, ma anche politico, economico, sociale ed ambientale. Il lavoro nasce da un protocollo d’intesa sottoscritto dall’amministrazione comunale con l’Istat, rappresenta un valido strumento di conoscenza del territorio. Le informazioni vanno dai semplici dati anagrafici a quelli che riguardano il clima, l’istruzione, la sanità, le attività economiche, il turismo e la sicurezza. Il volume è stato presentato questa mattina nella sala Giunta di palazzo Carafa, dall'assessore agli Affari Generali e Servizi Demografici Fiorino Greco, dal ricercatore Istat Aldo Scarnera e dai curatori del lavoro Monica Carbonara ed Eugenia Catanese. «Interessanti – ha sottolineato l'assessore Greco – appaiono i risultati che mettono in evidenza anche l’ottimo lavoro svolto dall’amministrazione comunale negli ultimi anni che ha saputo dare slancio alle attività economiche in generale e all’artigianato e al turismo in particolare, grazie anche ad un’attenta rivalutazione dei beni architettonici e naturali della città. I risultati di questo studio, quindi, ci confortano sulla bontà del nostro operato e spingono questo Assessorato e l’Amministrazione intera ad andare avanti sulla strada intrapresa». Monica Carbonara, dell'Istat – Ufficio regionale per la Puglia, ha spiegato in sintesi quanto è emerso dallo studio:

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!