Operazione della Dia: sequestrati beni per 700mila euro

Sequestrati beni a Lucio Bimbola, storico cassiere del clan Modeo

E’ scattata all’alba di oggi un’operazione della Dia di Lecce che ha portato, in esecuzione di un decreto emesso dalla Seconda Sezione penale della Corte d’Appello di Lecce, al sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, di beni riconducibili a Lucio Bimbola, esponente storico della criminalità organizzata pugliese e un tempo cassiere del clan mafioso capeggiato dai fratelli Riccardo e Gianfranco Modeo. Personaggio chiave del processo Ellesponto, 52 anni, Bimbola è già stato condannato con sentenza irrevocabile per associazione a delinquere di stampo mafioso e traffico di sostanze stupefacenti. Il decreto, analogo a quello già emesso circa un anno fa dal Tribunale di Taranto su richiesta del procuratore Cataldo Motta e poi rigettato, fa riferimento a due appartamenti ubicati rispettivamente a Taranto e Marina di Leporano (Ta), quote di partecipazione societaria nel supermercato “Italmarket srl” e nella società “Pbc-ristorante Al Rugantino srl” (noto ristorante della città jonica colpito, il 23 febbraio dello scorso anno, da un attentato dinamitardo), per un valore complessivo di circa 700.000euro. La nuova richiesta di sequestro, reiterata dalla Procura Generale del capoluogo salentino, è giunta al termine di complesse indagini e accertamenti economico-patrimoniali compiuti dagli uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!