Haiti

Caetano e Gilberto già pregavano e invitavano a pregare per Haiti

La terra che oggi trema fu la terra che fece tremare Napoleone e tutti i francesi che Libertà, Uguaglianza e Fraternità volevano esportarle senza perdere il monopolio degli utili. Gli haitiani invece si fecero una costituzione che osava prendere sul serio la dichiarazione dei diritti dell’uomo, diventando la prima nazione indipendente dell’America latina. Quasi tutta, per giunta, costituita da ex schiavi neri. Dal cuore della società creola brasiliana, Caetano Veloso e Gilberto Gil si ricordarono di Haiti nei primi anni ‘90 (gli anni dell’ex speranza Aristide e dei colpi di Stato di sempre, con Bush sr. e poi Clinton alla Casa Bianca). Se guardi queste piazze, a Bahia come a San Paolo, dove un tempo venivano castigati gli schiavi e oggi bravi ragazzi in assetto da parata riproducono sui loro tamburi i ritmi delle vittime d’un tempo, mentre da qualche altra parte poliziotti neri bastonano delinquenti neri, ladri mulatti e qualcuno quasi bianco, ma trattato come nero, allora pensa ad Haiti, prega per Haiti. Haiti è qui… Haiti non è qui… Dove sia sprofondata Haiti nelle ultime ore ce lo stanno dicendo purtroppo i geologi e le organizzazioni sanitarie mondiali. Di certo, per chi ci crede, ha ancora bisogno di preghiere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!