Castrignano dei Greci. Via al servizio civile

I due progetti di servizio civile si chiamano “Golden age” e “La biblioteca nel villaggio”. Impegneranno quattro giovani tra i 18 ed i 28 anni per 12 mesi

Lo scorso giovedì, presso il Comune di Castrignano dei Greci, si è tenuto l’incontro ufficiale per la sottoscrizione dei contratti di Servizio Civile Nazionale. All’incontro erano presenti gli operatori locali di progetto, i giovani firmatari dei progetti e Chiara Eleonora Coppola, progettista accreditata presso l’Albo regionale. Ha partecipato anche Donato Amato, sindaco di Castrignano dei Greci, che ha sottolineato come “prestare servizio civile sia un passo se non necessario quantomeno fondamentale ed importante nella vita di ciascuno”. All’incontro è intervenuto anche Paolo Paticchio, assessore alle Politiche giovanili, che ha aggiunto: “Per la prima volta quattro ragazzi di Castrignano attiveranno il territorio realizzando due interessanti progetti che toccano due importanti questioni tuttora aperte: quella della fruibilità della cultura e quella dell’assistenza ai nostri anziani. A Castrignano dei Greci il servizio civile diventerà, così, volano di attivazione della cittadinanza diffusa dei nostri giovani”. A partire dal 2010, il Comune di Castrignano dei Greci in co-progettazione con i Comuni di Taviano, Melissano, Corigliano d’Otranto, Racale e la direzione didattica di Taviano ha ottenuto l’approvazione di due progetti di servizio civile nazionale finanziati con il bando regionale 2009: – progetto “Golden Age”: in cui due volontari saranno impegnati in attività di assistenza ai cittadini anziani e nell’organizzazione di attività ricreativo-culturali volte a favorire la socializzazione degli stessi; – progetto “La Biblioteca nel Villaggio”: in cui due volontari saranno impegnati in attività culturali presso la Biblioteca comunale. I quattro giovani selezionati, di età compresa tra i 18 ed i 28 anni, presteranno servizio per dodici mesi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!