Area Democratica Casarano: “I bandi comunali favoriscono i singoli”

“Concorsi stilati a vantaggio dei sigoli e non dell'intera comunità”. E' il parere che Area Democratica ha dei bandi pubblicati dal Comune di Casarano per l'assunzione di personale interno ed esterno

In una nota inviata a Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Loredana Capone, vicepresidente, Michele Losappio, assessore regionale al Lavoro, e ad Antonio Gabellone, presidente della Provincia di Lecce, il gruppo simpatizzanti di Area Democratica di Casarano, rende note alcune considerazioni in merito ai bandi emanati dal Comune di Casarano per l'assunzione di personale interno ds esterno al Comune. Secondo Area Democratica tali concorsi sarebbero “stilati a vantaggio di singoli e non della comunità salentina”. Riportiamo di seguito il testo integrale della nota. Abbiamo appreso in questi giorni festivi dalla nota del Sindaco di Casarano che “Dopo 24 anni – ha rivelato il sindaco – abbiamo messo mano alla pianta organica del Comune (mediante i bandi), rimasta sostanzialmente invariata per oltre un ventennio, cercando di valorizzare il personale e ottimizzando le risorse. Abbiamo cercato, in questo modo, di concretizzare la nostra visione strategica dell'ente, che ci consentirà di traghettare il Comune di Casarano verso il futuro”. Area Democratica accettando la volontà di assunzione di personale, in base ad apposita delibera, contesta la valutazione indicata dagli stessi nell’ambito della procedura concorsuale dei bandi. Nella valutazione infatti le tre classi di titolo valutabili sono: titoli di studio, titoli di servizio e titoli professionali. Premettendo che Area Democratica ed i suoi simpatizzanti sono favorevoli all’emanazione di nuovi bandi, rende nota la sua posizione pubblicamente. A nostro soggettivo avviso e considerazione esiste un'ingiusta sproporzione nella valutazione e nell’attribuzione del punteggio dei titoli nei confronti di tutti i possibili concorrenti, ma a vantaggio di singoli. Su 20 bandi emessi da enti pubblici similari (Comuni) e da noi visionati il rapporto tra valutazione titoli di studio : titoli di servizio è pari ad 1 a 1. Nei bandi del Comune di Casarano tale rapporto è variato ed è cosi riassumibile: titoli di studio:titoli di servizio 1 a 3.2. Se si mantiene il bando emesso a Casarano ciò significherebbe che in qualunque Comune del nostro povero Sud Italia un cittadino di un qualunque Comune d' Italia che abbia conseguito una preparazione universitaria eccellente, master specifici ed inoltre esperienze professionali importanti in studi di alto valore nazionale non ha la quasi benché minima opportunità di vincere i suddetti concorsi, a favore magari di soggetti che negli anni hanno avuto esperienze lavorative in qualunque Comune del Sud Italia probabilmente per chiamata ad personam (come spesso accade al Sud). E' questa l' idea di meritocrazia ottimale che intende l'attuale sindaco ? E' questa la gestione della pianta organica del Comune che ci proietterà nel futuro ? E' questa la metodologia utilizzata per bandire nuovi bandi? Ricordiamo alla comunità ed a tutti i cittadini della nostra amata Città che il Comune non è un azienda privata (per fortuna), ma un ente pubblico. Area Democratica a tal fine ed a tutela dei diritti di tutta la Comunità cittadina e non dei singoli chiede con urgenza alla Giunta ed agli organi comunali una revisione dei suddetti bandi, ri-proporzionando, come è giusto che sia a nostro avviso, i criteri di valutazione dei titoli rapportandoli alla stragrande maggioranza dei bandi emanati dai migliaia dei piccoli, grandi Comuni d'Italia. Certi che la nuova giunta voglia rivedere i criteri di valutazione equiparando i titoli di studio e professionali a quelli di servizio il Comitato Simpatizzanti Area Democratica porge cordiali saluti. Simpatizzanti Area Democratica Casarano [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!