Concerto di Natale a Lecce

Appuntamento con il coro polifonico San Gregorio Nazianzeno, di Acquarica di Lecce, in una serata di beneficienza a favore del progetto Lions, finalizzato all’acquisto di un cane guida per un giovane salentino non vedente

Stasera alle ore 19.00 sarà di scena ancora una volta presso il monastero delle Benedettine a Lecce, il coro polifonico San Gregorio Nazianzeno di Acquarica di Lecce. Una serata di beneficenza organizzata dall’associazione culturale Teutrhas in collaborazione con il Club Lions Copertino Salento, presieduto dalla prof.ssa Anna Maria Colaci, docente presso l’Università del Salento. “O nuit brillante”, a cura del m. dott. Giuseppe Lattante, è il titolo del concerto di brani sacri e della tradizione natalizia, che si snoda dal medioevo fino ai nostri giorni attraverso un prezioso bouquet di musiche di autori quali Francesco Durante, Gioacchino Rossini, Giuseppe Verdi, Pietro Mascagni, Karl Jenkins, a cui si affiancano le più celebri melodie che celebrano il Natale. Ad affiancare il coro San Gregorio Nazianzeno il giovane soprano Denise Ingrosso, il soprano Marina Tundo, il mezzosoprano Maria Grazia Nicchiarico, il baritono Gianluigi Palma, il basso Piero Conte, all’organo il m. Matteo Cisternino, diretti dal m. Giuseppe Lattante. L’associazione Teutrhas, coniugando musica e solidarietà, devolverà i liberi proventi del concerto a favore del progetto Lions, finalizzato all’acquisto di un cane guida per un giovane salentino non vedente. Ad impreziosire la serata saranno i pensieri del prof. Carlo Alberto Augieri, ordinario di Critica Letteraria e Letterature Comparate presso l’Università del Salento, che ci guiderà in un suggestivo percorso sul tema del Natale. L’ingresso è libero.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!