La fabbrica dei gesti cerca artisti

Tutti gli artisti locali per passione o professione potranno esporre in pubblico i propri lavori

La Fabbrica dei Gesti, nell’intento di divenire centro propulsore dell’incontro tra diverse discipline artistiche e diverse culture, invita artisti, creativi e curiosi a partecipare a “Open Call – MartedInFabbrica”. Diverse sono le collaborazioni con artisti locali e nazionali già avviate nell'arco di un tempo di lavoro dedicato all'incontro e al dialogo. In quest’ottica sono state avviate delle collaborazioni con artisti come: Teatro delle Albe, Marcelo Bulgarelli, Mandiaye Ndiaye, Radicanto, Adria, Steela, Transalento, BandAdriatica, Canzoniere Grecanico Salentino, Tiziana Dollorenzo Solari, Roberto Chiga, Maissa N’diaye, Dj Pantu, Silvia Lodi, Claudio Prima, Emanuele Coluccia, Andra Presa, Serena D’Amato, Sara Vallucci, Imma Vitello, Alessandro Mazzotta e tanti altri. Un'iniziativa che intende mettere in rete piccole realtà artistiche locali assieme alle più grandi esperienze nazionali, nell'ottica della coesione, della crescita comune e del nostro territorio. La Fabbrica dei Gesti invita chiunque è interessato a far pervenire, via mail: [email protected], una scheda/progetto con la descrizione della propria idea progettuale ed una breve nota del soggetto proponente. Successivamente le proposte pervenute verranno valutate e selezionate. I proponenti selezionati verranno contattati via mail. Tema di progetti e performance: il dialogo. Sono ammesse forme di intervento eterogenee (performance, installazioni, sound piece, laboratori, fotografia, video, interventi relazionali, ecc…). Primo appuntamento “Open Call – MartedInFabbrica” per esporre i propri lavori in pubblico è previsto per il 29 dicembre 2009 alle ore 21.30 a San Cesario di Lecce. // Info. 347.5424126 [email protected] www.facebook.com/lafabbricadeigesti

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!