Gallipoli. Tutti in poltrona con i grandi autori

Piergiorgio Odifreddi, Moni Ovadia, Marco Travaglio e Vincenzo Cerami saranno i protagonisti di “Poltrona d'Autore”, rassegna teatrale organizzata da Voilier2000 e Teatro Italia per conoscere, ascoltare e riflettere su grandi temi dell'attualità, della politica, della scienza e della storia

E'stata presentata questa mattina a palazzo Adorno la rassegna teatrale “Poltrona d'autore” che da febbraio 2010 porterà nel Salento quattro grandi protagonisti dei nostri tempi: Piergiorgio Odifreddi, Moni Ovadia, Marco Travaglio e Vincenzo Cerami. Tutti gli spettacoli si terranno al Teatro Italia di Gallipoli, con inizio alle ore 21. Le prevendite sono aperte nel circuito Bookingshow.com e sul sito www.poltronadautore.com. Ad aprire la rassegna sarà Piergiorgio Odifreddi, in scena giovedì 11 febbraio con lo spettacolo “La Musica dei Numeri”. Ad accompagnarlo ci sarà il pianista Roberto Cognazzo. Mettere insieme un matematico appassionato di musica ed un musicista che con i numeri proprio non se la dice è una vera e propria sfida al destino. Ma proprio un destino con la D minuscola, un ‘fatino’ piccolo piccolo ha fatto incontrare qualche tempo fa (meglio non quantificare) Piergiorgio Odifreddi e Roberto Cognazzo, entrambi torinesi e cattedratici (Università e Conservatorio), ambedue di facile parola ed avvezzi alle performances radiofoniche, televisive e teatrali. Mettendo insieme differenze e somiglianze i due amici hanno costruito un concerto numerico che a poco a poco si trasforma in numero concertistico. Dall'esordio operistico, passando per le più diverse situazioni, paragonano frazioni a ritmi esotici, trasformano serie arie classiche in improbabili pezzi ballabili con un semplice scambio di cifre… Einstein, Mozart, Gauss, Rossini, Bartòk e Peano vengono coinvolti in un vortice di sons et lumières, cui imporrà ordine il mitico Bach delle Variazioni Goldberg (quelle ascoltate dal Dottor Lecter tra un delitto e l'altro) proiettate ed eseguite dal vivo. Giovedì 25 febbraio sarà la volta di Moni Ovadia con lo spettacolo “Cabaret Yiddish”. La lingua, la musica e la cultura Yiddish, quell’inafferrabile miscuglio di tedesco, ebraico, polacco, russo, ucraino e romeno, la condizione universale dell’Ebreo errante, il suo essere senza patria sempre e comunque, sono al centro di uno spettacolo da camera (da cui è poi derivato il più celebre Oylem Goylem) che alterna brani musicali e canti a storielle, aneddoti, citazioni che la comprovata abilità dell’intrattenitore sa rendere gustosamente vivaci. Ma la curiosità dello spettacolo sta nel fatto di essere interamente dedicato a quella parte di cultura ebraica di cui lo Yiddish è la lingua e il Klezmer la musica. Una rappresentazione che “sa di steppe e di retrobotteghe, di strade e di sinagoghe”. Tutto questo è ciò che Moni Ovadia chiama “il suono dell’esilio, la musica della dispersione”: in una parola della diaspora. La musica Klezmer deriva dalle parole ebraiche Kley Zemer, che si riferiscono agli strumenti musicali (violino ed archi in genere e clarinetto) con cui si suonava la musica tradizionale degli Ebrei dell’est europeo a partire all’incirca dal XVI secolo. La seconda parte della rassegna si aprirà venerdì 16 aprile con l'atteso spettacolo di Marco Travaglio, intitolato “Promemoria”. Il giornalista sarà accompagnato dal violinista Valentino Corvini e dal tastierista Fabrizio Puglisi. Il Travaglio della memoria: così, oltre il gioco di parole, si può definire il tentativo di coniugare il puntuale e quasi implacabile impegno giornalistico di Travaglio con la musica di Corvino. Una musica che quindi non è né descrittiva né tantomeno lenitiva ma si propone di volta in volta come cornice, evocazione, suggestione o provocazione a risaltare la nitidezza del racconto della nostra storia recente che, a partire dall'affogamento nelle tangenti della prima Repubblica, passando per la resistibile ascesa di Berlusconi, sembra precipitare sempre di più, di capitolo in capitolo, coi toni della farsa, del grottesco, della tragicommedia ma con la tragedia sempre dietro l'angolo. “Poltrona d'Autore” si concluderà giovedì 29 aprile con la prima nazionale dello spettacolo “Viaggio nel Silenzio” di Vincenzo Cerami. (musiche scritte ed eseguite da Aidan Zammit; immagini video curate da Matteo Cerami). Cerami legge un suo poemetto che ha come protagonista un uomo insonne, che passa tutta la notte davanti al computer acceso. Sua moglie è di là che dorme, febbricitante per aver preso tanta pioggia. Sta scrivendo a un misterioso giovane che abita nell’altro emisfero del pianeta. I due non si conoscono. Lui si racconta, ma sa che scrivere nell’etere è come parlare al vento. Lo assale un senso di vuoto e di virtualità del vivere che lo spingono al delirio. Ogni tanto si stacca dal ragazzo e si perde nei mille siti di Internet, dove il mondo è rappresentato a due dimensioni e ha una logica assolutamente casuale, senza spazio e senza tempo. Le immagini che compaiono sullo schermo a cristalli liquidi cambiano continuamente, vanno da un universo all’altro, da un’evocazione all’altra, nel tutto presente. Mano a mano che passa la notte, aumenta nell’uomo il senso di smarrimento e di perdita di sé, fino al punto di rendersi conto che il ragazzo lontano non esiste, è una invenzione, è lui stesso da giovane. Il suo viaggio nella rete è una sorta di naufragio. È quasi mattina quando scrive una lettera alla moglie che dorme. Ma non scrive a lei, così com’è oggi, si accomiata dall’immagine struggente di lei giovane. Il viaggio si svolge nel silenzio e nella solitudine notturna. Ma è pieno di parole scritte, mute, incastonate nella musica, nell’eco delle parole, nelle sonorità del viaggio. PROGRAMMA E PREZZI DEGLI SPETTACOLI 11 febbraio 2010 – P.Odifreddi “La Musica dei Numeri) Poltrona numerata (I settore: 18 euro; II settore 13 euro) 25 febbraio 2010 – Moni Ovadia “Cabaret Yiddish” Poltrona numerata (I settore: 18 euro; II settore 13 euro) 16 aprile 2010 – Marco Travaglio “Promemoria” Poltrona numerata (I settore: 20 euro; II settore 15 euro) 29 aprile 2010 – Vincenzo Cerami “Viaggio nel Silenzio” – PRIMA ASSOLUTA NAZIONALE Poltrona numerata (I settore: 18 euro; II settore 13 euro) Info e prevendite www.poltronadautore.com e www.bookingshow.com

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati